Sondaggio elettorale Berlusconi o Alfano cambia poco

Sondaggio realizzato da Ipr Marketing pubblicato oggi da Repubblica.it. Il sondaggio rileva il consenso della coalizione di Centrodestra sia con Berlusconi che Alfano candidati premier contro la coalizione del Centrosinistra con Bersani candidato premier. Fuori dalle coalizioni viene rilevato il consenso elettorale del Movimento 5 Stelle con Grillo candidato premier. Questo sondaggio fornisce dati decisamente diversi da quelli rilevati da Euromedia Research(link) che vedeva la candidatura di Silvio Berlusconi preferita nettamente a quella di Alfano. In generale bisogna riflettere sul fatto che ogni possibile candidato premier va misurato in raffronto al candidato della coalizione concorrente. Se la candidatura di Grillo per il Movimento 5 Stelle non va presa neanche in considerazione, quella di Bersani per il Centrosinistra ad oggi non è certo scontata. Un altra variabile fondamentale è la conformazione partitica delle coalizioni dove il PDL dovrà convincere la Lega  Nord a stringere una nuova alleanza mentre il PD sarà probabilmente chiamato a prendere una decisione tra UDC ed IDV-SEL.


Il sondaggio è stato realizzato ieri 12 luglio 2012 su un campione di 1000 casi con metodo MAWI.
La ricerca completa su Repubblica.it
Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

15 commenti:

  1. Scusate ma di che stiamo parlando? Altri: 8% ovvero IDV e SEL si autodistruggono? Ma come si fa a dare dei numeri cosi'?!? Ma allora i sondaggi sono tutti ad capocchiam !!!

    Chi sono gli altri di centro sinistra? La coalizione e' PD - UDC - SEL - IDV o cosa? Ma daiiiiii ... ma hanno anche pagato per questo sondaggio?

    RispondiElimina
  2. Ma quanto sono STRONZI a fare sti sondaggi??? Sanno benissimo che Grillo non si candiderà mai a nulla nel m5s! Questa è disinformazione mascherata da sondaggio! Da vergogna...

    RispondiElimina
  3. Comunque nell'altra parte del sondaggio chiedono il giudizio sull'operato del Governo Berlusconi... e un terzo dei Grillini rispondono positivamente...Ora si spiegano tante cose! In bocca al lupo, e buon divertimento....noi italiani non cambieremo mai!

    RispondiElimina
  4. Anzi, quasi il 40%!!!

    RispondiElimina
  5. Un 39% di consenso dagli elettori del m5s verso berlusconi è un emerita cazzata ed il fatto che il sondaggio provenga da repubblica la dice lunga, si sa che razza di faziosità hanno e pur di far apparire il m5s come simpatizzante del pdl (e quindi come nemico di qualunque elettore di sinistra) si inventerebbero anche percentuali di questo genere come spesso poi fanno in ogni loro sondaggio.

    Il m5s non digerisce alcun partito della seconda repubblica, quindi la percentuale del 39% è na cojonata degna del solito giornale di partito, (guarda caso di sinistra) i soliti squallidi individui.

    Ma come al solito c'è il sinistroide di turno che abbocca con tutta la lenza. A voi qualsiasi cosa vi dicono i vostri giornaletti da 4 soldi la bevete tutta, complimenti per la capacità di discernimento, mandria di lobotomizzati all'ammasso.

    RispondiElimina
  6. CVD

    Berlusconi ≈ Alfano

    entrambi possiedono Buffoneria → ∞

    Probabilmente il 30% del sondaggio di B. è basato sul campione di popolazione residente a Villa Arcore.

    RispondiElimina
  7. Partiamo da un presupposto. Il pdl con o senza Berlusconi può al massimo arrivare al 20%. La Lega può arrivare al massimo al 6%,se tutto va bene. Quel che sembra chiaro è che Maroni ha già dichiarato che il ciclo Berlusconi è finito e quindi nessuna alleanza. Ma se si alleassero non arriverebbero al 25 o 28% circa. Il pd, che si allei con udc o idv e sel, al massimo arriverebbe al 33 o 35%. Quindi potrebbe vincere le elezioni. Ma la variabile resta il m5stelle. Attualmente è al 20% ma non è escluso che possa arrivare al 30%. I dati riflettono la media delle società dei sondaggi ad oggi. Quindi la verità è che Berlusconi non ha alcun interesse a governare il paese ma solo creare condizioni di instabilità politica per altri interessi. Per caso i suoi? Mah la domanda può essere lecita.

    RispondiElimina
  8. Ma tanto qualora non riuscissero a raggiungere la maggioranza (pd o pdl) sicuramente faranno un accordo "per il bene del paese" (o meglio per le loro tasche) e andranno tutti insieme al governo a mangiare come prima se non + di prima, cosa che al m5s porterà sicuramente un fottio di voti tra l'altro, spero ardentemente lo facciano.

    L'unica preoccupazione dei politici ora è trovare accordi per prendersi le poltroncine.

    da quando è arrivato monti (novembre del 2011):
    - il debito pubblico è passato da 1.905 miliardi a 1.948 miliardi (dato di aprile),
    - la disoccupazione giovanile ha raggiunto il record di 34,2%,
    - il PIL calerà nell'anno del 2,4%
    - la richiesta di mutui per la casa è dimezzata, meno 47%.
    - declassamento dei titoli pubblici a Baa2 da A3, a due soli passi dalla valutazione di titoli "junk" (spazzatura),
    - lo spread è salito a 480
    spazzatura.

    per non parlare dell'IMU, la salita delle tasse a quota 46%, taglio della Sanità, la Giustizia, persino gli uffici postali di circa un migliaio, cancellato l'articolo 18.

    E questi uomini di merda pensano solo a come dividersi il governo.
    Mi fanno profondamente schifo loro e chi ancora lui vota, gente nè + nè meno lurida come loro.

    RispondiElimina
  9. statistiche senza senso. Finchè non si sa con che legge elettorale voteremo, quali saranno le alleanze, quali saranno i candidati premier, dic he si parla? Poi, Grillo dovrà iniziare anche a prendere posizione su alcuni temi (pensioni, lavoro, economia, politiche internazionali, immigrazione), li vorrò vedere come reagirà il suo elettorato, oggi gioca facile...

    RispondiElimina
  10. alla faccia della democrazia del m5s:
    E la grillina espulsa si ribellò al leader
    «Grillo mi deve spiegazioni»
    Scomunica via blog per Paola Poppi dopo 10 giorni dall'insediamento in consiglio comunale: «Resto per gli elettori»
    ----
    Parma, scontro Pizzarotti-Grillo per la nomina di Tavolazzi
    Il comico non digerisce la decisione presa dal neo sindaco di Parma sulla nomina di Tavolazzi a direttore generale del comune
    -----
    Ma chi comanda? GRillo ? Casaleggio ? i Grillini ? Che confusione.
    E non ha ancora preso posizioni politiche ....

    RispondiElimina
  11. Sandra Poppi, subentrata come consigliere al dimissionario Vittorio Ballestrazzi, è stata allontanata dopo la sollevazione in rete degli attivisti: da un anno e mezzo non si era più occupata dell'organizzazione. Grillo ha soltanto confermato la scelta della base, diffidandola dall'uso del logo.
    Informati la prossima volta prima di dire la solita cazzata.

    Per quanto riguarda tavolazzi anche questa è una notizia vecchia di mesi a cui ti hanno già risposto + volte ma dato che sei un demente ogni 3 giorni la riproponi. Grillo detiene il simbolo del movimento e come tale ha tutto il diritto e il potere di decidere chi eliminare dal movimento, non c'è molto altro da dire. Lo fa lui come qualsiasi altro possessore di un marchio di partito come casini, bersani e altre amebe di questo genere, quindi non vedo perchè ti scandalizzi tanto.
    Ah già, si parla del m5s, per quello ti prude il culo.

    E con questa ho risposto anche alla tua 3° inutile domanda.
    Ora vatti a fare un clistere che è forse l'unica cosa che può placare il tuo prurito.

    RispondiElimina
  12. Quindi, se PdL+Lega facesse il 30-31% e csx+UdC il 40-41%, UdC+PdL+Lega è maggioranza. Uno dirà "Non credo che i centristi, i leghisti e il PdL si allei". Giusto e io non credo che i comunisti (Sel e FdS), il Pd, i dipietristi e l'UdC possano stare in una stessa stanza senza dar luogo ad una fissione nucleare. Questi quesiti partono da presupposti inverosimili quanto "Scusi, ma se si candidasse un cerchio quadrato lo voterebbe?".

    RispondiElimina
  13. Ma perché qualcuno si stupisce che un terzo dei votanti del M5S pensi bene di Berlusconi? Ci sono tanti del PdL che per scoglionamento votano M5S senza rinnegare nulla del passato, tutto qui.

    RispondiElimina
  14. Come in molti paesi, lo scontro sinistra - destra e' diventato da stadio. Per molti del centro destra Grillo e' un modo di non far vincere il centro sinistra. E' stato esplicitamente detto a Parma, il centro destra ha sdoganato il M5S in un momento di difficolta'.

    In effetti il M5S e' super-partes, non essendo impermeato dalle ideologie post-liberiste e post-fasciste e appare come un partito pragmatico, radicato sul territorio, fatto di persone non legate a lobby, scrupolose e oneste.

    Solo chi e' fortemente ideologizzato ed e' incapace di accettare novita' puo' continuare a tifare centro sinistra, che tra l'altro e' piena di gente che vota cosi' da quando e' nata, passando dai vari Craxi, Occhetto e compagnia bella. Davanti agli occhi hanno il prosciutto, sono incapaci di rendersi conto delle responsabilita' del PDmenoelle nel disastro del paese e sono sostenuti dai 2 utili idioti (politici), Di Pietro e Vendola.

    Il carrozzone va avanti da sé con le regine, i suoi fanti, i suoi re ridi buffone per scaramanzia così la morte va via ... (ctz.: Il carrozzone - Renato Zero)

    RispondiElimina
  15. Appena capiranno che Grillo è il solito bluff all'italiana senza programma, che Berluska è un vecchio ottantenne etc... tutti voteranno per noi... PIRATI!

    RispondiElimina