Sondaggio politico elettorale di Ipr Marketing per il TG3

Sondaggio elettorale di Ipr Marketing sulle intenzioni di voto degli italiani presentato ieri durante il TG3.
Sondaggio realizzato il 27 dicembre 2012 su un campione: 1.000 casi.

Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

10 commenti:

  1. ma mi spiegate come e' possibile che si sia perso per strada circa un 10%? Dove e' finito? Gli astenuti sono gli stessi e gli indecisi pure diminuiti. Qualcuno me lo spiega?

    RispondiElimina
  2. Non capisco cosa intendi dire. Se fai la somma delle percentuali al netto degli astenuti e indecisi viene 100, come è giusto che sia

    RispondiElimina
  3. Ma lol, 14% il m5s, raga memorizzate ste percentuali che poi ne riparliamo dopo le elezioni, un pò di sputtanamento verso certi media venduti è dovuto.

    ps.
    ma montezemolo non lo calcolano mai su sti sondaggi della fava o è già incluso nella percentuale della lista monti?

    RispondiElimina
  4. Lo sapete che l'IDV aderisce al movimento arancione?

    RispondiElimina
  5. Certo Davide, quello basta che se magna che si alleerebbe anche con fiorito. Come dicevo tempo fa, certa gente non cambia mai.

    RispondiElimina
  6. avevo fatto la somma solo delle variazioni senza vedere che era nata una lista monti al 10%, eccoli:D... sono distratto (o non me lo filo)

    RispondiElimina
  7. Il prossimo parlamento sarà molto frammentato, gli arancioni potrebbero arrivare all'8%, il M5S minimo al 18, col premio di maggioranza il centrosinistra avrà la maggioranza alla camera ma probabilmente non al senato, o Bersani si sottomette a Monti o viceversa, dipende dai voti del PD, se sarà come probabile attorno al 25% ci sarà il Monti bis, altrimenti con un PD attorno al 30 Monti sarà il superministro dell'economia di un Bersani che non conterà niente.

    RispondiElimina
  8. Siamo pieni di incertezze e malumori e siamo tutte Cassandre, Bersani non è un servo di Monti e lo dimostrerà. Con la scopola che si prenderà il centro destra ne avrà per anni, Lega compresa anche in Lombardia.

    RispondiElimina
  9. Si si, come no, voi del pd rivotate lo stesso partito ad occhi chiusi. Un partito che prima fa votare i propri elettori e poi DOPO, dice con chi si allea, bella scelta di democrazia, vedrete che bella sorpresina vi fa.

    Ancora non avete capito che bersani è sporco come tutti gli altri, che è partito dal vecchio PC e che è degno della solita vecchia partitocrazia e che pur di governare e mangiare, farà alleanze con chiunque gli permetta di raggiungere la maggioranza in parlamento, monti compreso.

    Già parla di possibilità di alleanze con casini e magari anche con monti, voi continuate a farvi prendere per il culo ancora una volta mi raccomando.

    http://www.ilgiornale.it/news/interni/bersani-lagenda-monti-parte-condivisibile-e-apre-casini-868539.html

    RispondiElimina
  10. Continuo a pensare che la vera partita si giocherà al senato. E' fuori discussione che alla camera il csx avrà la maggioranza per governare. Il problema è al senato. Il csx attualmente vincerebbe in moltissime regioni. Le uniche in bilico sono lombardia e veneto(che sono decisive per numero di seggi) Se pdl e lega non si alleano il csx avrà una larga maggioranza anche al senato. Se invece si alleano potrebbero esserci dei problemi. Quello che penso però è che se anche si alleassero il csx potrebbe vincere lo stesso in quelle due regioni. Infatti un importante fetta di l'elettorato leghista e di quello del pdl attualmente non la vede bene tale alleanza perchè costruita senza contenuti credibili(sopratutto in veneto, ma anche in lombardia). Alla lega converrebbe cadere in piedi mantenendo comunque una buona percentuale di elettori ed investendo sul suo futuro politico,piuttosto che avere qualche poltroncina in più che le tarperebbe le ali in prospettiva. Sono convinto che se la lega non si allea non avrà emorragia di voti. Se invece si allea con il pdl , molti voti si dirotterranno per protesta verso il m5stelle. Non a caso proprio in queste due regioni il m5 stelle ha già performato alla grande. In ultima analisi penso che in questo sondaggio il m5stelle sia sottostimato. Non mi meraviglio:è da tempo che le urne smentiscono clamorosamente i sondaggi sul m5stelle(tutti, nessuno escluso). Tornando a bomba sulla maggioranza al senato, è evidente che Bersani lascia una porta aperta verso il listone di Centro di Monti. O si governa o si ritorna a votare, alternative in tal caso non ce ne sono. Sarebbe comunque meglio che non ci siano inciucetti obbligati. Meglio una chiara maggioranza politica(al di là di come ognuno la pensi)per fare scelte chiare(condivisibili o meno)che pasticci(vedi governo Monti)

    RispondiElimina