L'ultimo sondaggio elettorale Tecnè per SKY TG24

Ecco i dati ufficiali dell'ultimo sondaggio Tecnè:
Sondaggio realizzato il 29 dicembre 2012 su un campione di 600 casi con metodo C.A.T.I.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sondaggio politico elettorale Tecnè presentato a SKY TG24.



PD 35.3%
PDL 19.5%
M5S 16%
Lista Monti 6%
UDC 4.8%
SEL 4.1%
Lega Nord 3.9%
Movimento Arrancione +FDS+IDV+Verdi 3.8%
La Destra 2,4%
Fratelli d'Italia 2%
FLI 1.2%
Altri 1,9%
Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

33 commenti:

  1. Mi sembra molto strano che la lega sia al 3,9 e il pdl al 19,5. Quasi un invito alla lega a fare l'alleanza con berlusconi. Molte altre società danno la lega ben oltre il 5,5. Cosa sarebbe cambiato in pochi giorni? L'elettorato leghista preferisce l'alleanza con il pdl? Strano è l'esatto contrario di quanto la base vorrebbe.I conti non tornano, il sentiment viaggia in senso decisamente inverso. Su m5stelle vorrei capire una cosa. Se si fa la media dei sondaggi regionali aggiornati al mese di dicembre il dato nazionale viaggia sul 18-19% circa, considerando inesplorato il potenziale bacino di utenza degli indecisi e dei possibili voti di astensione. Sono credibili sondaggi ch viaggiano sul 14 o addirittura sull'11(piepoli)o anche sul 16%? Mah, le urne poi dicono che tutte le società di sondaggi sbagliano clamorosamente sul m5stelle. Anche su ciò i conti non tornano.

    RispondiElimina
  2. Provate a leggere la dichiarazione di oggi del professore Stefano Bruno Galli, promotore della lista Maroni alle regionali in Lombardia. Vi illuminerà sul non accordo pdl lega (e anche sul perchè spunta all'improvviso il 3,9% della lega.) Attendiamo di vedere le altre società di sondaggi che percentuali daranno alla lega. Tanto per capire come si possono pilotare i sondaggi.

    RispondiElimina
  3. Se quelli di Tecnè o di Sky sapessero usare la calcolatrice si accorgerebbero che la somma non fa 100

    RispondiElimina
  4. Ma perchè il 35,3% per il pd è credibile? con 1 milione di votanti poi?
    Se un milione e 300.000 (ultimi dati del voto) corrisponde al 35% dell'elettorato, ciò vuol dire che in italia voteranno 4 milioni di persone alle future elezioni ed i restanti 46 milioni che fanno se grattano la panza?
    Lol ma perfavore.

    Poi ci sarà qualcuno che dirà, "ma no il reale bacino di elettorato va visto in relazione alle primarie renzi vs bersani", cosa non vera dato che una parte dei renziani non andrà a votare bersani, ma poniamo il caso ci vadano tutti e 3 i milioni del pd per bersani.
    Bon, 3 milioni corrisposto al 35% vuol dire che in italia voteranno 9 milioni in totale su 50 di aventi diritto. Quindi 41 milioni di italiani non andranno a votare, in sostanza voterà 1/5 degli aventi diritto al voto?

    Ripeto, ste percentuali fanno ridere i polli se le si analizzano seriamente.

    RispondiElimina
  5. Non ho contato il 50% di astenuti-schede bianche (anche se ultimamente corrispondono al 45% ma i conti facciamoli sempre per eccesso pro pd tanto per fugare ogni dubbio. Bon, su 25 milioni il 35% è + di 1/3 cioè 8 milioni e passa elettori. Tra 3 e 8 ci sono 5 milioni di elettori che spariscono magicamente, i conti continuano a non tornare.

    Morale: il 35% è una percentuale gonfiata fatta per far votare il pd, nulla di +.

    RispondiElimina
  6. Omer non capisco il tuo discorso.
    Che il dato PD possa essere un po' gonfiato d'accordo, probabilmente si aggira intorno al 30, ma il fare conti precisi sui votanti delle primarie mi pare assurdo.
    I votanti alle elezioni non sono quelli delle primarie, punto.
    Quando il PD prese il 33% con Veltroni ad esempio, non ebbe il numero di votanti delle precedenti primarie.

    RispondiElimina
  7. Analisi del futuro governo

    Secondo me il pd ha tra il 28 e il 29% + il 6% del sel + fed della sinistra al 2% arrivano al 37% massimo. Di conseguenza si dovranno alleare per forza di cose ad un altra coalizione dato che il 42% non lo raggiungono da soli. Prenderanno però il bonus da primo partito che mi pare corrisponda all'8%. 37+8= 45% idem con patate urge alleanza con altra coalizione che potrà essere o la coalizione monti col suo 9-10% oppure dovrà accorpare anche il movimento arancione col suo 5% cica che senza ombra di dubbio sarà ben felice di allearsi.

    Da queste coalizioni però usciranno casini su casini, per il semplice motivo che il programma di monti cozza con quello di sel, e il programma di ingroia cozza sia con quello di monti che con quello di bersani.

    Morale: non solo ci aspettano altri anni di macro tassazioni monti style e svendita dell'italia alla merkel, alle banche e alla chiesa, ma penso anche che un governo così composto imploderà dopo pochi mesi.

    RispondiElimina
  8. Lowiz io quello dico, come vedi tra il 30% che dici te e il 35-36% dei sondaggi odierni ci sono 5-6% punti percentuali di differenza che non sono proprio acqua fresca. Poi secondo me il pd prenderà tra il 28 e il 29% come detto sopra ma quello è indifferente, il mio discorso è:

    "le percentuali del pd sono sovrastimate e non di 1-2 punti percentuale ma di circa 1/6 di quanto viene annunciato che non è proprio na quisquiglia.

    RispondiElimina
  9. Sondaggio fasullo,PD ad oltre il 35 e Lega a meno del 4!Poi altri solo 1,9%???Somma totale superiore al 100%,che assurdità!Credo ci voglia una regolamentazione nel settore!

    RispondiElimina
  10. Che assurdita'......ma scusate voi credete che per il Pd votera' solo il popolo delle primarie?(3 milioni).
    Alle elezioni votano anche gli indecisi..dell'ultima ora.

    Comunque,il dato e' sovrastimato il PD arrivera' al massimo al 28% piu' il 5 percento di sel----33%
    PDl piu' lega , non arrivano al 27 insieme( altri non li considero).
    Quindi alla Camera dei Deputati con il porcellum non ci sono problemi.
    Mentre si verificheranno al Senato...quindi si prevede un governo PD+monti per un anno, poi si va a rivotare...

    RispondiElimina
  11. Io prevedo un governo Monti-PD,ma credo che almeno 2-3 anni governeranno.L'unica cosa che potrebbe sconvolgere questo accordo,sarebbe un' affluenza superiore all' 80% alle prossime elezioni ed in quel caso il centro-destra potrebbe ottenere quel pareggio al senato che non farebbe altro che far nascere un altro governo tecnico!L'obiettivo del centro destra è raggiungere il 35%,se ci arriva addio al governo della sinistra.

    RispondiElimina
  12. la destra berlusconiana è morta caro simosimonelli, gli italiani hanno dimostrato molta immaturità in passato, votando personaggi impresentabili solo per avere qualche vantaggio personale (ici e lobby che trattavano direttamente con il capomafia), ma ora hanno finalmente capito che quel modo di fare sfascia l'Italia.
    il 35% te lo puoi scordare, sei solo tu e pochi altri stipendiati che parlano ancora di numeri indispensabili della destra in senato.
    comunque per quanto riguarda i sondaggi fasulli puoi sempre fargli una telefonata tu agli istituti di ricerca e chiedere le scuse formali visto che la tua posizione e di poco inferiore a quella di dio, probabilmente quella obbligata ad ammettere di falsarli sarebbe euromedia.
    se sei qui per fare propaganda otterrai solo l'effetto di far parlare delle nefandezze del tuo capo.
    trovati un lavoro onesto!

    RispondiElimina
  13. Govero Monti-Pd con quale premier ? Bersani si metterà a 90 per l'ennesima volta ? Tutto può essere...dal pd mi aspetto sempre il peggio... certo che stavolta sarebbe davvero la perla più grossa di sempre.

    RispondiElimina
  14. le schermaglie Monti - Berlusconi nascondono l'eventualità di un accordo dell'ultima ora (diranno "programmatico" ...). Qualche avvisaglia c'è : Monti doveva candidarsi e si è candidato; il Cavaliere ultimamente va dicendo che si accontenterebbe di un dicastero e non farebbe piu' il primo ministro .... Se non facessero cosi', questa volta il PD vincerebbe a mani basse .... Lo zoccolo duro del PD vota sempre, non abdica mai

    RispondiElimina
  15. signor borzonas, b. sta dicendo che potrebbe essere possibile un suo impegno diverso da quello di presidente del consiglio per cercare di allearsi con la lega nord. Tutto qua, mi creda che a volte la realtà è più semplice di quello che pensiamo.

    RispondiElimina
  16. Tutto dipenderà dall'eventuale accordo pdl lega. Se non ci sarà il csx avrà una larga maggioranza anche al senato. Se invece lega e pdl dovessero allearsi non è scontato comunque che vincano in veneto e in lombardia. La somma dei numeri dei sondaggi per singoli partiti è una cosa, quelli dell'alleanza è un'altra. L'elettorato leghista non vuole l'alleanza con il pdl e anche una consistente parte di quello del pdl con la lega. Quindi anche un'alleanza sulla carta non è detto che dia i suoi frutti nelle urne. La partita si giocherà in queste due regioni se ci sarà o meno l'alleanza. E se ci sarà alleanza il m5stelle in quelle due regioni avrà una barca di voti. Ci rivediamo fra due mesi circa

    RispondiElimina
  17. puo' essere, ma l'inasprimento dei toni ultimamente è chiave essenziale per il recupero del proprio elettorato. Lo sbaglio l'ha già fatto una volta : PDL = FI + AN non è equivalso anche in termini aritmetici, ovvero il PDL non ha raccolto la somma intera dei 2 singoli elettorati, che hanno visto l'appiattimento del proprio rispettivo partito sulle posizioni dell'altro.
    E cosi' non sbaglieranno adesso : fino al "giorno" prima delle elezioni litigheranno, poi diranno di avere raggiunto un accordo almeno sul programma.
    Che altrimenti il PD farebbe "il pieno", lo vedrebbe anche un bambino ....

    RispondiElimina
  18. Il titolo della canzone sarebbe quella di Morandi: in ginocchio da te. E' quello che sta facendo Berlusconi con la lega. Il motivo? Basta vedere l'ultimo sondaggio sulla lombardia. Ambrosoli è dato al 35% e maroni da solo al 34%. Albertini all'11% e il m5stelle senza il candidato al 14%. (Scenari politici). Se Maroni va da solo in lombardia ha la possibilità di un voto più trasversale e quindi può giocarsela. Considerato però che in quel sondaggio credo che Albertini sia stato sottostimato. In lombardia un'alleanza lega pdl alle politiche non li farà vincere. E neanche in veneto ciò avverrebbe, lì l'elettorato leghista è decisamente contrario all'alleanza. Silvio è veramente disperato, lui i sondaggi veri li conosce bene. Per questo si inginocchia, "per amore del suo paese". Mah,

    RispondiElimina
  19. Sul sito di Tecnè T-MAG (www.t-mag.it/2013/01/03/sondaggio-skytg24-tecne-chi-vincera-le-elezioni/) per questo sondaggio ci sono dei numeri leggermente diversi

    RispondiElimina
  20. Che Monti si allei con Berlusconi non esiste, è troppo permaloso e se l'è segnata al dito che gli han fatto cadere il governo di cui si beava, inoltre c'è troppo astio con due personaggi come Brunetta e Tremonti che bene o male son le primedonne in campo economico dell'alleanza PDL-Lega. Che Berlusconi sia disperato è fuori di dubbio sta offendo di tutto e di più a chiunque possa disporre di qualche pacchetto di voti. Almeno a sinistra hanno avuto le palle di chiudere la porta a Di Pietro ed altre piccole formazioni per essere coerenti con un programma.
    P.S.: per h_omer, studiati la legge elettorale prima di scrivere

    RispondiElimina
  21. Sinceramente credo che Bersani, nel caso non ottenesse la maggioranza al Senato, ma solo alla Camera, possa cedere la premiership a Monti pur dettando gran parte dell'azione politica del prossimo governo. Non credo che molti la pensano così, ma la famosa frase "preferisco avere il 49 che il 51%" la dice lunga sulla comprensione della difficoltà del momento e quindi la necessità di affrontarla con l'aiuto di una gran fetta di forze politiche "responsabili". Il problema politico è vedere cosa farà Vendola a quel punto e soprattutto se Vendola è indispensabile o no alla tenuta di una eventuale maggioranza, allargata al centro, dopo le elezioni. Dai sondaggi, al momento, sembra che non debba essere indispensabile tenere SEL nell'eventuale governo Monti-Bersani. Ovviamente basta che passino due o tre anni così e Berlusconi passerà nel completo dimenticatoio ed il centrodestra sarà tutto da rifondare, praticamente si prospettano dieci anni con la sinistra al governo. Grazie Fini

    RispondiElimina
  22. Il problema è capire cosa conviene a noi italiani. Io non sono un elettore di csx ma penso che in questo momento per l'italia serva una maggioranza politica che decida su materie decisive(giuste o non giuste. Gli eventuali scenari di instabilità al senato provocherebbero problemi molto seri per il nostro paese. Ricatti,inciuchi inevitabili ci condurrebbero di nuovo nel baratro. Penso che sarebbe utile una maggioranza politica di csx che possa misurarsi con il paese e una opposizione robusta ed incalzante come potrebbe essere il m5stelle. Il resto, mi permetto di osservare, è solo antipolitica. Berlusconi che fa accordi con la lega ad ogni costo pur di intralciare la governabilità, casini che vorrebbe stravolgere la volontà degli italiani per un pugno di senatori con la riproposizione del Monti bis, ditemi se questa è politica per il bene del paese. ma dove vivono? La gente ha bisogno di risposte concrete, non di geometrie perverse a danni della gente stessa. I precedenti venti anni li stiamo pagando a carissimo prezzo. Basta con la tifoseria politica. Bisogna fare di necessità virtù.

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. @Pierluigi
    "Almeno a sinistra hanno avuto le palle di chiudere la porta a Di Pietro ed altre piccole formazioni per essere coerenti con un programma."

    Coerenti col programma? Lol, sono così coerenti con i programmi elettorali che il programma di bersani (che strizza l'occhio a monti) ha poco o nulla a che fare con quello di sel.
    Non a caso vendola e monti non fanno altro che beccarsi uno con l'altro, ma dato che bersani da solo va alle ortiche, o mangia sta minestra o va per stracci e allora su, carichiamo anche sel sul carrozzone.
    Alla facciazza della coerenza da te tanto elogiata, vedo che hai le idee chiare.

    RispondiElimina
  25. se il m5s prende l'11% significa che in Italia siamo un branco cret.ni, hanno sfasciato l'economia per i loro interessi stanno facendo l'assalto alla diligenza e c'è gente che dice che Grillo però è un comico...........forse è meglio votare chi è politico di professioneeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee............ma siete tutti pazziiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  26. se da votare rimanessero Berlusconi Bersani Casini Fini o la Vento un popolo civile e che non si fa prendere per il c.lo voterebbe sicuramente la Vento che almento forse non è una ladra.

    RispondiElimina
  27. Mi sa h_omer che non conosci la legge elettorale: alla Camera la coalizione che prende più voti prende, come minimo, il 55% dei seggi cioè 340 deputati, in più si aggiungono quelli del SVP che vanno a sommarsi al centrosinistra e così alla Camera minimo ci saranno 346 deputati con Bersani, quindi grande maggioranza assoluta e nessun bisogno di Ingroia. Al Senato si ragiona in ambito regionale e comunque per le liste fuori coalizione lo sbarramento è 8%, quindi è difficile che Ingroia prenda seggi, ed anche Grillo rischia di non prenderne in alcune regioni, ma le liste legate in coalizione devono arrivare, sempre in ambito regionale, al 3% per poter essere conteggiate e le coalizioni al 20% e non è sicuro che il centrodestra arrivi in tutte le regioni al 20%, specie se la coalizione di Monti avrà un buon exploit e soprattutto se non chiude l'accordo con la Lega. Potrebbe accadere che i fautori del porcellum ne subiscano un enorme danno ....

    RispondiElimina
  28. A parte che dimentichi il Senato in cui la maggioranza è marcatamente a rischio, ma stai evitando il commento inerente la grande coerenza del programma della sinistra. Quella me la chiami coerenza?

    Una coalizione dove programmi ed idee opposte (bersani/monti e vendola) si uniscono per governare? Per non parlare dei programmi passati dei governi di sinistra che puntualmente sono rimasti solo sulla carta come d'altronde quelli di destra su questo sono uguali.

    La sostanza è sempre quella alla fine dei giochi, ci aspetteranno altri 5 anni (ma penso molti meno dato che la sinistra una sola cosa fa bene, spaccarsi al suo interno) del magiordomo delle banche in doppio petto e delle sue medicine al cianuro per il popolo italiano, il tutto coadiuvato dal bersani di turno che abbraccia il programma monti in toto, tanto in fin dei conti l'importante non è salvare l'italia ma rimediarsi la poltrona.

    RispondiElimina
  29. Berlusconi ha vinto tre volte e perse due finora alle politiche, e su tre che ne ha vinte per due volte si è andati alle elezioni anticipate perchè le sue maggioranze si sono sbriciolate. Comunque mi sbagliavo non su di te, è che proprio non leggi quello che scrivono gli altri (ho fatto la netta distinzione tra Camera e Senato).
    Comunque, a novembre 2011 Bersani invece di andare ad elezioni sicuramente vincenti ha preferito appoggiare un governo tecnico per cercare di salvare la situazione, non dimenticarlo. Poi se il governo ha fatto bene o no è un altro discorso, ma la forza politica più numerosa che ha appoggiato il governo Monti era il PDL

    RispondiElimina
  30. Vedo che continui a far finta di non capire o devo pensare che non leggi? (lol)

    Ripeto la domanda per la 3° volta auspicando meno svicolamenti. Consideri coerenza sul programma un anione bersani vendola visti i 2 programmi? Ed una possibile alleanza pd - monti sempre in riferimento ai programmi?

    "Comunque, a novembre 2011 Bersani invece di andare ad elezioni sicuramente vincenti ha preferito appoggiare un governo tecnico per cercare di salvare la situazione, non dimenticarlo."

    Salvare la situazione di chi? La sua immagino. Dalla tua frase si capisce che se fosse andato lui al governo non sarebbe stato capace di "salvare la situazione" del paese e che quindi ha preferito lasciare il posto a chi era + capace, la cosa è piuttosto comica.
    Ed ora lo stesso individuo incapace di salvare la situazione viene ripresentato per governare? Sempre + ironica la cosa.

    Meglio non raccontarci le favole pierluigi, capisco che agli elettori del pd rifilano le peggiori storielle ma chi è fuori dal lavaggio del cervello mediatico che opera tale partito capisce che la strizza di bersani era evidente dato che da solo doveva mettere mano a leggi e provvedimenti sicuramente impopolari, di conseguenza sarebbe stato defenestrato in pochi mesi data l'avversione del popolo verso politici e politica, specialmente dopo la tragica performance di berlusconi.

    Hanno preferito mettere un esterno alla politica, un "tecnico" come monti per non assumersi la responsabilità di talune decisioni, direi che oramai è palese per tutti.

    RispondiElimina
  31. Ingroia è l'unico che possa ridare forza a questo paese,gli altri sono coloro che ci hanno portato in questa situazione comunque la pensiate.

    RispondiElimina
  32. Ti dirò alberto, a me ingroia piace, da l'idea di una persona pulita, ciò che non mi piace però e che lo pregiudica pesantemente è la gente che gli sta dietro, cioè tutti quei partiti come verdi, idv e rif. comunista che si sono fatti svariate legislature, spesso anche nei passati governi alleati al pd e alle sue passate reincarnazioni.

    Gente che fa parte della vecchia partitocrazia, che ha sempre preso i contributi ai partiti e continua a prenderli, di conseguenza particolarmente inaffidabile e inconcludente.

    Ho il timore che stiano usando ingroia per un loro tornaconto. Il giorno che il movimento di ingroia non prenderà contributi per il proprio partito e metterà come legge primaria che chi ne fa parte non li deve prendere (quindi che valga anche per i partiti che vi sono dentro), potrò vedere il movimento arancione con maggiore fiducia, ma ora come ora mi sembra la solita pappa riscaldata, con a capo molto probabilmente un uomo in buona fede ma che ha scelto le amicizie sbagliate.

    RispondiElimina