SKY TG 24 ha appena diffuso l'ultimo sondaggio elettorale ecco i dati

Ecco i dati del sondaggio elettorale sulle intenzioni di voto appena  diffuso a SKY TG24 delle 13:00. Il sondaggio lo ha realizzato Tecnè su un campione giornaliero di 600 casi con metodo C.A.T.I.



Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

11 commenti:

  1. Programma del m5s alle regionali del Lazio:
    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/lazio/partecipaprogramma.html

    + fatti - chiacchiere.

    RispondiElimina
  2. Bhe a parte che i sondaggi sono a volte diversi da istituto a istituto . Direi che c'e sempre un margine di errore

    RispondiElimina
  3. Salve,
    siccome le differenze tra i vari istituti sono molto rilevanti vorrei proporre un semplice strumento che potrebbe aiutare a capire meglio questi dati.
    Ho provato a confrontare i risultati delle ultime elezioni politiche (2008) con i sondaggi svolti in un periodo di un mese prima delle elezioni (apparentemente i sondaggi di ogni istituto si stabilizzano a ridosso delle elezioni): ho notato che per i partiti maggiori i sondaggi erano tutti sovrastimati o sottostimati di un 2.5% circa.
    Propongo, per ogni tornata elettorale e per ciascun istituto, di confrontare i risultati elettorali con i sondaggi (eventualmente mediati sull'ultimo mese prima delle elezioni): se risultasse che i sondaggi sono regolarmente sovrastimati/sottostimati di una certa percentuale abbiamo trovato il valore da sottrarre/aggiungere al sondaggio per ottenere una stima piu' attendibile del risultato elettorale; se invece i sondaggi si sparpagliano in maniera casuale in un intervallo molto ampio (per esempio 5%) allora e' probabile che il sondaggio non sia molto accurato e quindi lo si puo' trascurare.

    RispondiElimina
  4. Che vuol dire trascurare qualcuno ?
    magari una società di sondaggi che ha sbagliato una volta trova dei correttivi che ne migliorano di molto l'attendbilità. C'è e ci sarà sempre un margine di errore, la cosa migliore è fare la media (come fa questo sito) tra varie società di sondaggi.

    RispondiElimina
  5. Ancora Tecnè???Allora non lo volete capire che sono sondaggi fasulli!Il centro-destra sta sorpassando la sinistra e Monti è al tracollo!Tecnè ma basta con queste buffonate!!!

    RispondiElimina
  6. Simonelli BASTA ti si e rotto il disco piantala di commentare tutto dicendo la stessa cosa!! Nessuno ti dà retta!! Non ti è bastato essere SBUGIARDATO sui bookmakers?

    RispondiElimina
  7. Gli unici sondaggi veritieri son quelli che danno Berlusconi vincente, ed anche le elezioni se non daranno Berlusconi vincitore saranno sicuramente false !!!
    Simo pensa, piuttosto, a quanti milioni di ex elettori siete riusciti a far fuggire lontano.

    RispondiElimina
  8. Ciao Legars,
    anch'io mi sono chiesto se esista un criterio oggettivo per valutare l'affidabilità dei sondaggisti a prescindere dalle simpatie politiche. Non tutti i sondaggisti usano la stessa metodologia e il numero di interviste di un sondaggio può variare anche molto da istituto a istituto. Infine c'è sempre il sospetto della faziosità, specie ora che siamo a ridosso delle elezioni.
    Riguardo al tuo metodo non sono sicuro di aver capito bene il ragionamento. Mi chiedo poi dove hai trovato i sondaggi del 2008.
    Io ho trovato un articolo interessante sull’argomento precisione dei sondaggisti sul sito www.termometropolitico.it.

    RispondiElimina
  9. Salve Juangomez,

    trattandosi di statistica, certamente esistono criteri oggettivi per valutare l'affidabilita' dei sondaggi: ogni istituto fornisce, oltre alle percentuali, anche l'incertezza che pero' non viene pubblicata su questo genere di siti per migliorarne la leggibilita'. Il problema e' che cosi' facendo si arriva alla falsa conclusione che tutti i sondaggi abbiano la stessa affidabilita', e quindi operazioni come le medie aritmetiche sui sondaggi perdono ogni significato (piu' correttamente bisognerebbe fare una media pesata, i pesi essendo gli errori percentuali su ogni sondaggio).
    I dati delle ultime elezioni sono reperibili su www.termometropolitico.it, nella sezione "Sondaggi", folder "Tabella". Se scorri in fondo alla tabella trovi i risultati delle elezioni 2008 e i sondaggi precedenti. Come potrai notare, il PDL, che ha ottenuto il 37.4% dei voti, era accreditato (media aritmetica sull'ultimo mese) al 39.6%, con picchi fino al 41%; unica eccezione Dinamiche con 37.9%. Il PD, che ha ottenuto il 33.1%, aveva una media del 34.5%; anche qui Dinamiche ci era andato molto vicino con il 33.2%. E' probabile che gli istituti abbiano utilizzato questi risultati (ed altri metodi piu' sofisticati) per migliorare l'affidabilita' dei propri sondaggi, ma questo puo' essere verificato solo applicando il metodo appena descritto alle elezioni successive (di cui non ho i dati). Se risultassero le stesse deviazioni, allora significa che nessuna modifica alle metodologie e' stata apportata e potremmmo applicare quelle deviazioni ai sondaggi attuali per ottenere una stima piu' veritiera dei risultati delle elezioni: ad esempio, siccome nel 2008 IPSOS in media aveva sovrastimato il PDL di un fattore 1.5%, siccome oggi lo da' al 16.1%, il valore corretto della sovrastima sarebbe 16.1%-1.5% = 14.6%.

    Riguardo alla stabilita', si puo' osservare che tutti gli istituti erano abbastanza costanti durante il mese precedente alle elezioni 2008 (il che, se i sondaggi sono affidabili, sembra indicare che quella campagna elettorale non ha influito in modo visibile sulle intenzioni di voto); uno strumento utile e facile per valutare questa grandezza potrebbe essere la deviazione standard della distribuzione: piu' e' bassa, maggiore e' la stabilita' del metodo.

    RispondiElimina
  10. Ciao Legars, vedo che siamo arrivati alle stesse conclusioni, anch'io ho pensato alle medie ponderate. Il problema però è determinare i pesi corretti.
    Sul sito termometropolitico ho trovato uno studio che analizza la precisione dei sondaggisti in occasione delle politiche 2008 e delle europee 2009. Qesta è misurata con due indicatori, lo scarto assoluto medio e la deviazione standard.
    A prescindere dalla correttezza di questo calcolo rimangono però alcuni problemi:
    Il primo è che non tutti i sondaggisti compaiono nello studio di termometropolitico, ad esempio mancano EMG, Piepoli, Tecnè e tutti i sondaggisti CAWI tipo Spincon. Per la verità credo che Masia, ora EMG, fosse all’epoca direttore di Dinamiche che, come tu hai detto, è risultato piuttosto preciso.
    Un altro problema è che i sondaggi analizzati sono stati fatti una ventina di giorni prima delle elezioni e come si sa gli ultimi giorni di campagna elettorale sono cruciali. C’è gente che decide per chi votare dieci minuti prima di andare al seggio. Nel 48 Gallup sbagliò clamorosamente una previsione per aver sospeso le interviste tre settimane prima del voto.
    Infine non è detto che chi ha imbroccato i risultati in passato debba farlo di nuovo. Non so come i sondaggisti si comportino ma non credo che intervistino lo stesso campione a distanza di anni.

    Comunque, per chi fosse interessato, ecco i link agli articoli di termometropolitico:
    http://www.termometropolitico.it/1635_classifica-di-precisione-degli-istituti-di-sondaggio-elezioni-politiche-2008.html
    http://www.termometropolitico.it/1641_classifica-di-precisione-degli-istituti-di-sondaggio-elezioni-europee-2009.html

    Grazie per la segnalazione sui sondaggi 2008.
    Io segnalo invece il sito ministeriale www.sondaggipoliticoelettorali.it, sezione Vecchio sito

    RispondiElimina
  11. Sì, vi piacerebbe m5s al 14%... hahaha ma chi li ha fatti i sondaggi? La moglie di Renzie? ma vaffanculo va'

    RispondiElimina