Sondaggio Piazzapulita il PD in caso di pareggio al Senato

In caso di pareggio al Senato quale scelta migliore per gli elettori PD? Il sondaggio di Ipr Marketing presentato a "Piazzapulita" 

Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

34 commenti:

  1. Sarebbe meglio una maggioranza politica. Possa piacere o meno sarebbe comunque meglio un governo che decide, in modo giusto o sbagliato, senza troppi condizionamenti. Per i cittadini una maggioranza politica che esce dalle urne è più conveniente. Se devi opporti sai a chi poterlo fare. Altri governicchi frutto di inciuci invece sono la tomba dei cittadini. Passa di tutto sulla propria testa e la responsabilità non sai più a chi darla. Io credo che lo scenario migliore sia un governo politico di csx e una forte opposizione del m5stelle. Il resto lo ritengo poco serio. Il cdx è un'accozzaglia di egoismi, la scelta civica di Monti una mina vagante pronta a sbranarci e la rc di Ingroia un'accozzaglia di riciclati uniti solo per rientrare in parlamento a godere dei privilegi, che restano ancora intatti.

    RispondiElimina
  2. Il discorso che fai sul partito di ingroia si potrebbe benissimo fare al pd e a tutto il csx, non vedo su quali basi lo consideri meglio degli altri se oltre ad avere un passato di collusione col pdl e le sue leggi ha anche svariati scandali al suo attivo passati e presenti.
    Ingroia si è alleato con il solito gregge di riciclati ma in confronto al pd è uno stinco di santo.

    RispondiElimina
  3. Ieri il Wall Street Journal ha stigmatizzato i rischi per i mercati internazionali derivanti dalle promesse elettorali di Berusconi da un lato, e dallo scandalo MPS dall'altro.
    Difatti le banche italiane che hanno in pancia volumi astronomici di titoli di stato italiani sono crollate in borsa.
    Non è piaciuta nemmeno la difesa fatta da Napolitano dei vertici del PD.
    Purtroppo la nostra provincialissima classe politica non considera che lo spread non è un fatto finanziario ma di credibilità sui mercati, e se si è a zero credibilità anche i tuoi titoli di stato sono carta straccia.
    Il fatto che lo scandalo MPS abbia dimostrato che oltre al Bokassa di Arcore pure i vertici del PD si rotolavano nel brago della finanza facile ci leva l'ultima stampella.
    Ci vorrebbe una manovra imposta dai mercati in cui un governo Monti-PD veda Berlusconi all'opposizione lasciato alle amorevoli cure della Boccassini, e poi dopo un paio di mesi assorbite le turbolenze della neutralizzazione di Berlusconi il via libera alla procura di Siena contro gli eventuali mandanti politici di Mussari.
    Ci sarebbe da ballare per sei mesi, ma poi lo spread scenderebbe.

    RispondiElimina
  4. Ma lo spread è un meccanismo creato dall'europa per manovrare i paesi che la compongono. Anche perchè il discorso "credibilità" è molto arbitrario dato che per l'europa, credibilità vuole dire assecondare tutte i loro provvedimenti da strozzini. Quindi che lo spread lo faccia alzare berlusconi con i suoi vaneggiamenti o il pd con lo scandalo mps non ha molto senso perchè a loro interessa solo che gli si paghino gli interessi stratosferici sul debito e che si svenda il paese pezzo per pezzo ad uso e consumo di germania e francia(lo stiamo vedendo tutti le società italiane acquistate per 2 soldi da questi 2 paesi).
    Lo spread secondo me salirebbe anche qualora vincesse il m5s dato che è totalmente contrario agli inciuci dell'europa.
    Non date troppa importanza allo spread perchè è manovrato dai soliti poteri forti dell'europa.

    RispondiElimina
  5. Peccato che poi si debbano pagare interessi enormi sul debito. Ma è un dettaglio.

    RispondiElimina
  6. Duemila miliardi di debito corrispondono al tasso attuale (considerato ottimo) del 4,5% a novanta miliardi l'anno di interessi. Se aumenta di cento punti aumenta di una ventina di miliardi l'anno, solo di interesse. Ma credo che se non esce un governo stabile e credibile dalle elezioni aumenta lo spread di circa 300 punti, quindi sessanta miliardi in più all'anno. Aggiungiamoci i 45 miliardi l'anno dovuti per il fiscal compact accettato e firmdato da Berlusconi (per la scarsa credibilità dell'Italia) e poi capite quanto è divertente leggere tante sciocchezze. Praticamente ogni adulto italiano avrebbe addosso un debito di circa tremila euro l'anno per pagare gli interessi sul debito dello stato. Altro che ripresa e lavoro ai giovani.

    RispondiElimina
  7. Allora secondo te è giusto svendere il paese accettando qualsiasi richiesta dell'europa e vendendo pezzi dello stato e delle migliori aziende italiane per non far abbassare gli interessi che richiedono gli strozzini? Ma che ragionamenti fai?

    E' un pò come stare al ricatto di uno strozzino che impone interessi stratosferici. Bisogna porre un argine a richieste impossibili perchè non so se te ne rendi conto ma un paese non può pagare 100.000 miliardi di interessi annui, non è concepibile perchè così facendo non darai mai la possibilità al paese di risollevarsi dato che non li colmerà mai e andranno (come accade da anni) ad aumentare infinitamente il debito pubblico italiano.
    Ragionare sulle cose, mai.

    RispondiElimina
  8. correggo: 100 miliardi l'anno

    RispondiElimina
  9. Io ragiono sulle cose, voi no, seguite un comico.

    RispondiElimina
  10. Parliamoci chiaro all'europa delle uscite di berlusconi o degli scandali del pd non gli frega nulla, a loro interessa che gli paghi degli interessi vita natural durante dato che hanno tutta la convenienza nel mantenerlo con questi tassi di interesse e monti ha fatto sempre il gioco dell'europa, non a caso lo vedono come il migliore esempio di "zerbinaggio" italiano, perchè accetta tutte le loro richieste.
    Questo è il loro metodo di discernere un buon europeo da uno negativo. Per quello lo spread non segue le dichiarazioni o gli scandali di quello o l'altro politico ma cambia a seconda che il governo possa colmare gli interessi del debito o meno, molto semplice come meccanismo.

    Stefano, l'ultima uscita è degna del solito ideologo ottuso che quando non sa cosa dire mette in mezzo le solite frasi puerili. Porta argomentazioni valide non le solite frasette sparate a pene di segugio.

    RispondiElimina
  11. Ma perche' il PD non e' un partito di reciclati.Per cortesia siamo seri. Ha ra'gione omer lo spread e' un'arma usata dalla Germania per comandare tutto. Ormai gli errori in europa sono stati fatti. Allora preferisco votare.M5S che nel programma dice di ridiscutere tutto. Se la Germania non accetta e' meglio dichiarare default e ricominciare da.capo con la nostra.lira

    RispondiElimina
  12. Ottuso è chi crede di poter discutere da solo. Quando bisogna chiedere soldi in prestito bisogna far credere che si è sicuramente in grado di restituirli. Se uno fa un gestaccio come ha fatto Grillo a suo tempo riferendosi al debito, accadrà che maggior successo elettorale avrà e maggior tasso di interesse faranno pagare, purtroppo a tutti noi gli italiani e non solo a chi ha votato Grillo.

    RispondiElimina
  13. Cominciate a mettere da parte altri tremila euro di tasse in più per 2013

    RispondiElimina
  14. Io ho messo in vendita un appartamento per poter pagare le tasse dei prossimi anni.

    RispondiElimina
  15. Berlusconi fa le sue sparate senza senso e via altre tasse per noi. La rovina nostra saranno i comici che si sono inventati un mestiere da politico.

    RispondiElimina
  16. Mi correggo, la rovina sono quegli italiani che prendono una battuta per programma economico e lo votano.
    A me le sparate di Berlusconi e Grillo costeranno un appartamento, immaginate quanto mi stanno simpatici.

    RispondiElimina
  17. Commenti imbarazzanti sullo spread! Che la Germania tragga profitto da questa situazione e' indubbio, ma che possa determinarla mi pare fantascienza: se ricordo bene, la borsa di Londra vale piu' di tutte le altre borse europee messe insieme!
    E l'ipotesi di default e ritorno alla lira mi sembra un rimedio peggiore del male. A parte dubbi sulla sostenibilita' dell'operazione (siamo grande importatore di materie prime e abbiamo una struttura produttiva interconnessa col resto d'Europa: chi ha fatto un modello serio di cosa accadrebbe?), temo che sarebbero i soliti noti a guadagnarci: si ripartirebbe con le solite svalutazioni competitive che in passato hanno permesso di far sopravvivere strutture produttive decotte e ci hanno portato a stipendi in fondo alla graduatoria dei paesi sviluppati. In compenso, chi guadagnera' da questa operazione portera' all'estero i profitti per timore di ulteriori svalutazioni, quindi niente capitali per innovazione... insomma, nel giro di un po' di anni ci troveremmo in una situazione peggiore di quella attuale, con ancora minore credibilita'!

    RispondiElimina
  18. Concordo in pieno, in più aggiungici che il ceto medio e quelli che, stupidamente, si ostinano a pagare le tasse diventeranno i nuovi poveri.

    RispondiElimina
  19. Stefano l'appartamento te lo giochi per le tasse di monti e le nefandezze passate di destra e sinistra. L'imu che paghi è stato fatto passare dal voto di destra e sinistra, ricordiamoceli certi particolari perchè vedo che la gente spesso dimentica.

    http://documenti.camera.it/votazioni/votazionitutte/schedaVotazione.asp?Legislatura=XVI&RifVotazione=562_51&tipo=dettaglio

    Per quanto riguarda l'europa, il salasso enorme che sta colpendo il mondo intero nasce dalla Federal Reserve dato che tra il 2007 e il 2010, ha spalmato "16 trilioni" di dollari su tutte le più importanti banche occidentali, non solo su quelle americane.
    E lo ha fatto per debiti e lucro, lucro che ha dato il via da parte delle banche e non solo, di speculazioni incredibili a cui il governo italiano non ha mai posto freno, compiacendo in tutti i modi questa speculazione incredibile.

    La cura di monti, cioè quella del "rigore" lo capisce anche un bambino che non farà altro che indebitare ulteriormente il paese, basta ragionare un minimo. Guardiamo la grecia, un anno fa era in rosso per 110 miliardi di euro.
    L’hanno "salvata", adesso il debito è salito a 340 miliardi. In sostanza se la stanno mangiando pezzo dopo pezzo perchè il metodo è quello vecchio dell'usura, come fai un debito chiedi in prestito altri soldi per ripagare il debito precedente e questo di conseguenza aumenta a dismisura, fino al momento in cui uno stato deve svendere i suoi gioielli, le sue aziende, e molto altro come sta facendo anche l'italia.

    Per approfondire e sapere come stanno le cose:
    http://www.megachip.info/tematiche/beni-comuni/6618-udite-udite.html

    Detto questo, l'unica strada che rimane (e lo abbiamo visto con la grecia) è stabilire noi un patto con l'europa che blocchi questa speculazione infinita, altrimenti si esce come già ha fatto islanda, ecuador, finlandia e il portogallo è li dal fare il grande passo.

    Non si può speculare in questo modo osceno su un paese e il m5s si sta battendo per fare in modo che ciò non avvenga +. Se vi volete far prendere in giro ancora una volta da monti tenete presente di una cosa, se mai destra o sinistra andrà al governo mantenendo la regola del rigore vi assicuro che durerà pochi mesi perchè la gente è stanca di pagare sia i strozzini che i servi dei strozzini.

    RispondiElimina
  20. Manca il dettaglio che il patto non lo fai da solo, lo fai con gli altri e lo fai in termini tanto più vantaggiosi se sei credibile e soprattutto se alle spalle hai un paese unito e cosciente.

    RispondiElimina
  21. Più casino farete e più tasse noi pagheremo, questo succederà. Ricordate i licenziamenti di massa in Grecia, le pensioni bloccate, le tredicesime confiscate, con questi discorsi ci state preparando a questo.

    RispondiElimina
  22. Il patto sicuramente non lo si fa accettando tutto come fa monti modello "zerbino dell'europa". Lo fai facendo valere le tue ragioni, adeguando gli interessi a percentuali "umane" non da usuraio come sono ora. Quello che non capite e che se non si corre ai ripari subito, questo paese non si rialzerà + e finiremo peggio della grecia, paese oramai allo sbando tra delinquenza e povertà.

    RispondiElimina
  23. Se si esce dall'euro non avrò bisogno di vendere un appartamento, ma almeno due, che bella prospettiva. I risparmi dei miei genitori e miei buttati in fumo dalla stupidità.
    P.S.: io ricordo quando ero giovane che si viaggiava ad interessi del 20% e proprio allora è esploso il debito pubblico, in pochi anni. Poi si intervenne con accordi tra le monete europee e gli interessi si abbassarono. Se si esce dall'euro di colpo si pagheranno interessi a due cifre, altro che 100 miliardi l'anno, allora.

    RispondiElimina
  24. Stefano prenditela con chi voti, non lo dire a me, non sono io che voto monti per farmi turlupinare ancora una volta.

    Aggiungo che hai detto una cosa non vera, la grecia è in quelle condizioni perchè ha accettato tutto ciò che gli ha prospettato l'europa, non dare colpe a chi non le ha. E noi stiamo seguendo quella strada.

    Come ti ho già scritto ma te non leggi, ci sono nazioni che sono uscite e non pagano un fico secco.

    RispondiElimina
  25. Ma la capisci la parola "usura" cosa significa ? i tassi adesso sono intorno al 4,5%, prova tu a chiedere all'estero decine di miliardi di euro al mese per finanziare un paese in cui di sparano cazzate grossolane una dietro l'altra.
    Facciamo un'ipotesi banale, io sono titolare di un'azienda ed ho bisogno di liquidità, vado a parlare con un direttore di banca, tre ipotesi:
    1. Entro e dico "ma l'hai vista quella signora che culo enorme che ha? ma chi se la scopa mai? (poi si scopre che la signora è un pezzo grosso della banca)
    2. Mentre parlo passano i miei operai per la strada gridando, "direttore dacci soldi e col cazzo che te li ridiamo" e tutti gli operai lo applaudono.
    3. Entro con un documento firmato dai miei dipendenti che garantiscono che faranno fronte comune con il loro massimo sforzo per salvare l'azienda
    Secondo te a con quel delle tre opzioni si ottiene finanziamento migliore ?
    La situazione dell'Italia non è molto dissimile

    RispondiElimina
  26. Stefano sarò + elementare nel concetto perchè vedo che proprio non lo vuoi capire:

    - possibilità 1 -
    Stare al gioco dell'europa, pagando ogni anno gli interessi del debito che si aggirano sui 90-100 miliardi. Il paese nel 2012 è riuscita a rientrare di 16 miliadrdi, ma questi non sono serviti a nulla dato che 100 - 16 ha dato vita ad altri 84 di debiti per il 2012 da sommare al debito italiano. E + si va avanti e peggio sarà la situazione dato che la gente spende meno, molta gente non ha + un lavoro e la povertà aumenta, di conseguenza minori saranno le entrate a fine anno e maggiore sarà il debito che si sommerà anno dopo anno.
    Vogliamo continuare così all'infinito finchè non ci chiederanno di venderci il colosseo? Dimmi te se mettersi nelle mani di questi strozzini è una scelta saggia.

    - possibilità 2 -
    Mettere un freno a questa speculazione prendendo in esame la possibilità di uscire dall'euro con il rischio per l'europa di non prendere + un soldo. Lo hanno fatto altri paesi e si stanno riprendendo, guarda l'islanda come sta rinascendo e come lei altre nazioni stanno seguendo la stessa strada.

    http://www.ilcambiamento.it/lontano_riflettori/islanda_rivoluzione_silenziosa.html

    Posta questa alternativa vedi se non abbassano le percentuali di interesse.

    RispondiElimina
  27. Lo spread non è dei tedeschi, è dei mercati.
    E i mercati pensano in termini di soldi e basta.
    La Germania è un paese affidabile perchè oltre ad avere un'industria fortissima che investe cifre colossali in ricerca ed innovazione ha una classe politica dove il pupillo della Merkel ha perso il ministero della difesa e chiuso con la politica perchè ha scopiazzato la tesi di laurea, qui abbiamo un teatrante con una fedina penale lunga come l'anagrafe della Cina che si diverte a raccontare balle colossali, mentre la sua presunta opposizione si è finanziata con i conti correnti della banca più antica del mondo.
    Ieri le banche italiane sono crollate in borsa perchè sono state obbligate a ricomprarsi i titoli spazzatura di stato italiani che all'estero non vuole più nessuno.
    Qui mi sembra che in fatto di economia gli italiani siano proprio messi male.

    RispondiElimina
  28. Quello dell'Islanda è un caso interessantissimo, non usiamolo a sproposito:

    L'ISLANDA VUOLE L'EURO, l'ultima dichiarazione del primo ministro e del ministro delle finanze è del 2012.

    L'ISLANDA è stata aiutata dal Fmi con più di 2mld USD, HA RIPAGATO E STA REGOLARMENTE PAGANDO i debiti contratti. Non ha né ripudiato né disatteso il proprio debito pubblico.

    Quello che non ha voluto pagare è il debito contratto non dallo Stato Islandese ma dalle sue improvvide banche private con privati cittadini britannici e olandesi oltre una certa soglia. Praticamente l'Islanda è disposta a pagare (e li sta pagando) 4,5mld USD invece dei richiesti 9mld USD. Non è debito pubblico, c'era una controversia legale e il tribunale dell'Efta (l'analogo della Corte di Giustizia Europea che comprende anche stati non Ue) ha detto che ha ragione l'Islanda. Insomma, non pensiamo che l'Islanda abbia mandato a fan*ulo tutti in spregio agli accordi internazionali o cose simili!

    RispondiElimina
  29. io non vedo nessuno scandalo del PD è tutta una montatura degli avversari politici(che sono guasi tutti indagati) mi sapete dare i nomi dei politici indagati del PD su MPS secondo me nessuno perché chi ha sbagliato sono solo i management ingannando anche la fondazione

    RispondiElimina
  30. Snow e 4,5 su 9 miliardi non è il 50% del debito?
    Non a caso quel 50% che non vuole pagare riguarda proprio i 2 debitori olanda e inghiltera e ripeto, non glieli vuole dare, come ho detto precedentemente.

    E' la stessa nostra situazione, noi abbiamo un debito di cui il 50% circa è con germania e francia il resto è dello stato. Come vedi la situazione è simile e giusto appunto noi potremmo fare la stessa operazione che sta attuando l'islanda, fanculizzando francia e germania.

    L'islanda all'olanda e all'inghilterra non sta e non ha pagato nulla, per la cronaca c'è ancora una causa tra questi paesi.

    RispondiElimina
  31. Homer, i titoli di stato italiani non sono in mano all'Europa, per il 55% sono in mano italiana e per il restante 45% sono in mano estera, non necessariamente europea. Solitamente in mano a banche e fondi di investimento. Quasi sicuramente entro un paio di anni gli italiani saranno costretti a ricomprare parte del proprio debito, perchè venderli all'estero comporterà interessi troppo alti. Venderli a mani italiane significa drenare liquidità da banche e privati con ricadute terribili sui consumi e su risorse disponibili per gli investimenti.
    Quando si parla a vanvera di ricontrattare il debito, si enuncia solo un slogan privo di fondamento. Qui non si parla di paesi con debiti in valore assoluto ridicoli, ma di duemila miliardi di euro che è il terzo debito del mondo. La BCE raccoglie soldi dai vari stati europei e li presta all'1% alle banche per far comprare titoli degli stati in difficoltà, soprattutto l'Italia per la quantità di titoli, e il Movimento Cinque Stelle continua a dire la cavolata dell'usura. Tra poco i vari stati si romperanno le palle di dare i loro soldi per finanziare il debito italiano e poi saranno cavoli amarissimi per l'Italia.

    RispondiElimina
  32. Cavoli amari per l'italia sono se rimaniamo in questa situazione che come già esposto in diversi post oltre ad essere già di per sè terribile (non lo dicono ma siamo già in default stefano) peggiorerà ulteriormente nei prossimi anni se avremo al potere o gargamella che appoggia il delinquente monti che ha già dato riprova di cosa è capace in quest'ultimo anno, oppure il nano che naturalmente prometterà mari e monti agli italiani per poi lasciarli con una mano davanti e una di dietro.

    La sostanza non cambia, sono entrambe dei delinquenti ed entrambe fanno i loro interessi non quelli del popolo italiano.
    Ne abbiamo avuto la riprova in questi anni e questa è la situazione in cui siamo. Secondo me converrebbe uscire direttamente dall'europa, ed è infondato il solito discorso che se usciamo succede la fine del mondo, quelli sono i mezzi di informazione che vi inculcano quello che + gli fa comodo.

    La riprova di quel che dico è quel che successe il 16 settembre del 1992, data in cui l'italia uscì dalla sme.
    Ti consiglio la lettura di questo articolo per capire che la paura dell'uscita dall'euro è solo un enorme buffonata a cui aimè troppa gente crede e lo conferma wall street italia, non l'ultimo arrivato.

    http://www.wallstreetitalia.com/article/1430436/economia/16-settembre-1992-venti-anni-dall-uscita-dell-italia-dal-sistema-monetario-europeo.aspx

    RispondiElimina
  33. h_omer non sai di cosa parli. L'Islanda NON ha contratto debiti con l'Olanda e l'UK, l'Islanda ha lasciato fallire e poi nazionalizzato una banca che aveva clienti islandesi, olandesi e inglesi. A questi, secondo quanto previsto dai regolamenti Efta 2008, ha corrisposto un certo indennizzo (4,5mld). UK e Olanda, insieme alla Commissione Ue, pretendevano che gli venisse rimborsato il doppio, secondo quanto previsto dagli attuali regolamenti Ue. La sentenza Efta mi dispiace ma c'è stata il 28/01/2013 ed è definitiva, e dice che l'Islanda ha ragione. Informarsi prima di parlare?

    http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html#ch=1&day=2013-02-04&v=176892&vd=2013-02-04&vc=1

    RispondiElimina
  34. ovviamente il link della sentenza definitiva della corte dell'Efta non è quello sopra ma questo:

    http://www.eftacourt.int/images/uploads/16_11_Judgment.pdf

    L'Islanda non ha "fanculizzato" Olanda e Uk, L'Islanda i titoli di stato li onora, che siano in mano a suoi cittadini o stranieri, e per finire se anche noi avessimo una querelle simile a quella islandese dovremmo applicare le regole Ue perché ne facciamo parte. Praticamente Homer nel tuo post delle 18.39 di ieri non ne hai azzeccata una.

    RispondiElimina