Chi è stato più convincente in campagna elettorale?

Questo sondaggio di Demopolis per la trasmissione "Otto e Mezzo" ci mostra l'opinione degli elettori italiani su chi sia stato maggiormente convincente in campagna elettorale.
Nota metodologica ed informativa 
L’indagine è stata condotta il 25 e 26 febbraio 2013 - per il programma Otto e Mezzo de LA7 - dall’Istituto Nazionale di Ricerche Demòpolis su un campione di 1.058 intervistati, rappresentativo dell’universo della popolazione italiana maggiorenne, stratificato per genere, età, ampiezza demografica del comune ed area geografica di residenza. Direzione di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione con metodologia CATI-CAWI di Marco Tabacchi.


Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

5 commenti:

  1. pensa come stiamo nessuno al 30%

    RispondiElimina
  2. Più che pormi chi è stato più convincente nella campagna elettorale, trovo più interessante chiedermi chi è il più affetto da narcisismo oggi. La più grave malattia che affligge la politica da molti anni e che ci ha ridotti sul lastrico si chiama narcisismo, successo personale, uso mediatico per ottenere consensi sulla nostra pelle. Ma come si fa a rivotarli, questi squallidi.

    RispondiElimina
  3. Valutando il sondaggio il giorno dopo l'esito del voto c'è poco da eccepire. Dopo una settimana dal voto la domanda andrebbe posta in questo modo: chi ha saputo prendere gli italiani più per il c..o? Sono convinto che anche il 30% che non si dichiara non farà fatica a scegliere.

    RispondiElimina
  4. Allora facciamo un sondaggio: chi più ci ha preso per il c..o negli ultimi vent'anni?
    Invece in questo caso ci sarebbe l'imbarazzo della scelta suddiviso equamente tra Dx, Sx e centro.

    RispondiElimina
  5. Concordo pienamente, a dx sx e centro se ne stanno aggiungendo altri. Non si intravede discontinuità, i cittadini continuano ad essere carne da macello. Se non la smettiamo di usare schemi demonizzanti e non lasciamo che nella nostra mente circoli la LIBERTA' e il senso critico, perderemo l'obbiettivo del NOSTRO BENE COMUNE. Speravo in un'occasione storica, in una possibilità di fare più equità ma. E' paradossale. Nel modello politico meraviglioso in Sicilia(meraviglioso lo afferma Grillo stesso) si stanno facendo cose positive per la gente. Il risultato elettorale alle politiche del m5stelle in Sicilia, dopo l'esperienza regionale,ancora in atto, è stato strabiliante. Non sanno leggere neanche quei dati per capire cosa fare per cambiare questo paese. E' incredibile, è proprio vero che la vanagloria acceca.

    RispondiElimina