Sondaggio elettorale Tecné per Sky - Centrodestra +8%

Continua quella che potrebbe essere definita un'incertezza dei sondaggisti, che si aggiunge a quella degli elettori.
L'ultimo sondaggio Tecné per SkyTG24, effettuato ieri, raffigura un M5S con un 10% di consenso in meno rispetto a quanto rilevato da EMG solo due giorni prima.
L'unico dato che rimane coerente in tutti gli ultimi sondaggi è l'ascesa incontrollata del centrodestra che secondo Tecné supera il centrosinistra di ben 8 punti percentuali.






By Primo
Share on Google Plus

About ~Primo

16 commenti:

  1. Basta vedere l'ultima tabella per capire com'è manipolato questo sondaggio... basta vedere le piazze che non vogliono napolitano...soliti sondaggi pilotati

    RispondiElimina
  2. Illuso! Tra qualche mese papi potra' tornare al governo da solo! Cosi' m5s e pd avranno un'altra occasione per fare qualcosa insieme: l'opposizione! A giudicare dai risultati, la strategia di Grillo per scacciare gli zombi e' stata semplicemente... geniale!

    RispondiElimina
  3. Grillo, bravo ...risultato ottenuto . Italia consegnata a Berlusconi.......

    RispondiElimina
  4. L'italia ha berlusconi l'hanno consegnata il PD (in accordo con il berlusca).
    Se il pd voleva trovare una collaborazione con il M5S, avrebbe trovato la porta spalancata. Bastava accettare almeno una condizione chesta dal m5s. Bastava volerlo veramente.

    Ma i signori comandanti del PD avevano già il loro piano per dare supporto al PDL e fare il governo delle larghe intese. Facevano solo finta di cercare il m5s. tutta una messa in scena
    Non hanno saputo dire neanche il motivo sul diniego di RODOTA. Un grande uomo di sinistra.
    Tutto previsto da grillo da oltre 6 mesi.
    SVEGLIA COMPAGNI , VI STANNO SOLO STRUMENTALIZZANDO E INGANNANDO.
    M5S sta andando nella giusta direzione.

    RispondiElimina
  5. @ Stoneglass Tesene
    A dire il vero Rodotà è stato appoggiato da subito da SEL e da una piccola parte del PD. Mi auguro che Barca e Vendola riescano a costruire un vero partito di sinistra, lasciando al PD il ruolo del "centrone progressista", soprattutto se sarà guidato dal Renzi rampante.

    RispondiElimina
  6. precisazioni: SEL ha adottato il nome di Rodotà dope che questo è stato tirato fuori per primo dal M5S con un sistema che potete criticare quanto vi pare ma è certamente più democratico che blindarsi a due in una stanza in gran segreto e barattare nomi, poltrone e salvacondotti giudiziari.. e non mi risulta che l'osannatissimo Vendola abbia mai fiatato in proposito.
    Senza il Movimento in ogni caso il nome di Rodotà manco sarebbe girato.

    Poi smettiamola per favore di raccontarci favolette sceme, come se il Pd fosse stato sempre un partito della sinistra battagliera a difesa della classe operaia contro i poteri forti finché sabato mattina si sveglia all'improvviso perdutamente innamorato dell'acerrimo avversario pluriprescritto, ma per cortesia... Il Pd è da sempre quello che è, sabato grazie al Movimento ha semplicemente gettato la maschera.. e Vendola ha sempre saputo benissimo con chi andava ad allearsi.

    Barca è stato fino adesso nel governo Monti e si è fatto uscire quell'endorsement a Rodotà soltanto quando l'elezione di Napolitano era cosa fatta, quando cioè l'unica utilità di certe esternazioni poteva essere solo il farsi bello con un elettorato dalla incrollabile fiducia, vittima della trappola della speranza.

    Quanto a Piersilvio Renzi, lasciamo perdere..

    Sono vent'anni che il "centrosinistra" deve rinascere, vent'anni che "ora basta" "ora si fa la sinistra vera" vent'anni che spuntano salvatori del partito... e quand'anche ci fosse qualcuno che si mettesse davvero in testa di trasformarlo in un movimento realmente di sinistra e davvero democratico, credo che in sostanza il suo compito sarebbe quello di modellare il partito per farlo arrivare ad essere qualcosa di simile se non identico al 5stelle... e semmai ci riuscisse, gli ci vorrebbero altri vent'anni.. ma se c'è una forza politica che è già come il Pd vorrebbe diventare (e negli anni andrà perfezionandosi) che senso ha un'operazione simile?
    Questo è il punto, per chi semplicemente guarda la realtà in faccia libero da istinti da tifoseria..
    (diverso è il caso di movimenti di democrazia dal basso alternativi che potrebbero nascere completamente al di fuori dalla partitocrazia, cosa che valuterei molto positivamente)

    RispondiElimina
  7. Certo che siamo all'assurdo, ma se in questo stesso sito abbiamo ripetutamente indicato in tanti, io tra gli altri, in Rodotà un candidato ideale alla Presidenza della Repubblica !! e non è che è un nome che girava solo tra pochi intimi ma è un nome che era graditissimo ad una grandissima fetta dell'elettorato del centrosinistra. Adesso sostieni che è un nome che ha tirato fuori dal cilindro il Movimento Cinque Stelle. Delirio.

    RispondiElimina
  8. Dichiarazione di Grillo del 21 Aprile: il friuli potrebbe essere la prima regione a cinque stelle. Ce la possiamo fare. 19%. Obiettivo raggiunto. Seconda dichiarazione: non dobbiamo paragonare le regionali con le politiche. Secondo sondaggio emg siamo il primo partito. Un bel linguaggio politichese, la supponenza alla fine produce e produrrà i suoi frutti.

    RispondiElimina
  9. cosa mai voteranno le persone con l'amante in regione e la doppia pensione? proviamo a indovinare... io dico PD PDL..

    RispondiElimina
  10. mi auguro che i disoccupati e gli esodati del friuli muoiano di fame! avete votato PD e PDL? adesso teneteveli e non rompete le balle!

    RispondiElimina
  11. Quando si dice la solidarietà ed il rispetto per la sofferenza altrui, bravo Pierpeppino, continua così.

    RispondiElimina
  12. Comunque, ribadisco, il M5S, in Friuli, ha preso il 13,75% e non il 19 e passa, perdendo circa tre quarti dei votanti che due mesi fa aveva avuto nella stessa regione, una dèbacle.

    RispondiElimina
  13. Dai ragazzi..
    come potete dire che è stata una debacle?cioè da sempre le regionali non rispecchiano le nazionali,o le provinciali o le comunali!
    Sono friulano e qui il PD ha preso molto,anche nella provincia di Udine...però alla provincia è andato uno della Lega nord,quindi il PD nello stesso giorno ha quadagnato la maggioranza dei voti per la regione ma nella stessa provincia di udine (dove aveva la maggioranza per i voti alla regione) ha preso molto meno del centro destra (il centrodestra ha vinto col 50% dei voti, il Pd ha preso il 41%)...vogliamo dire che il PD nella stessa giornata ha sia perso che vinto?e continuo. A Udine si andrà al ballottaggio fra pd e pdl...però per la regione nello stesso comune di udine, il PD ha preso meno voti che per le comunali...e cosa dire del movimento 5 stelle? a Udine il candidato ha preso ben 2mila voti in meno rispetto al candidato della regione...mi vorreste venire a dire seriamente che i voti non si spostano se parliamo di regione,provincia o comune?sono cose differenti,ed alla grande anche

    vogliamo parlare delle regionali del Lazio?non parlerò del movimento 5 stelle perchè su quello si è ampiamente dibattuto credo..voglio parlare del Pd...nella stessa giornata, per le regionali prende 1milione e trecentomila voti,mentre per la camera ed il senato circa 700mila...nello stesso giorno stravince alla regione ma vince di poco alla camera?

    suvvia ragazzi,ho sempre letto in questo sito e fra i commenti analisi attente e ponderate persino prima delle elezioni,molti di voi hanno dimostrato di saperci vedere lontano andando oltre i sondaggisti e prevedendo una maggioranza instabile mentre più o meno tutti i sondaggi davano il centrosinistra avanti di molto e con grandi probabilità alla maggioranza.

    Adesso mi paragonate elezioni regionali a quelle politiche?
    Le variabili per le regioni,i comuni e le province sono distanti anni luce dal riflesso delle nazionali

    RispondiElimina
  14. Sì, hai ragione Rhakar, dici cose giuste, se non fosse che il momento politico è particolarmente caldo e quindi molti si sentono presi dalla situazione ed era lecito attendersi un prova di "presenza" schierandosi, ma su 200 mila voti, in Friuli, del Movimento a fine febbraio circa 140 mila decidono di non confermare la fiducia a Grillo e compagnia un motivo va comunque ricercato, non si puà dire che sono soltanto elezioni diverse.
    O sbaglio ?

    RispondiElimina
  15. Certo,ma dove raccoglie di più Grillo?dall'indecisione giusto?Ebbene alle scorse politiche l'affluenza fu del 72% se non sbaglio, alle regionali il 50%,cifre che qui non si erano mai viste...
    Qui l'affluenza è sempre molto alta...secondo me quelli che ormai sono schierati si trovano nelle 102mila preferenze al candidato 5stelle. Secondo me i voti mancanti sono da ricercare nel fatto che l'astensionismo viene pagato alla grande specie da realtà come il movimento 5 stelle che fa più di tutti affidamento sugli indecisi,che davanti alla scheda dice:ma si,votiamo 5 stelle.
    Ed anche perchè il movimento non è così radicato nel territorio, è nato da poco,qui uno prima di riuscire a spuntarla deve farsi vedere molto e spesso. Ti basti pensare che persino una romana è salita alla regione (qua purtroppo il campanilismo è fortissimo anche se non si traduce prettamente in voti alla lega,ma si traduce in voti che vanno alla difesa della lingua friulana).

    Non lo so, secondo me è proprio stridente parlare di debacle del movimento 5 stelle alle regionali con questi dati. Anche perchè conosco tanta gente di destra o che ha votato per il movimento 5 stelle che ha votato la serracchiani questa volta perchè o gli piaceva più di Tondo (centrodestra) oppure perchè "è una brava persona"..e sono gli stessi che sputano sugli avvenimenti a Roma e che poi difendono il movimento di Roma!Anche perchè se parliamo di debacle del movimento dovremmo parlare anche di resurrezione della Lega in Friuli perchè ha preso molti voti sia alle regionali che ancor di più alle provinciali,ma anche questo è vero in maniera relativa!
    Uno che vota Serracchiani alla regione non è detto che voterà Bersani per Roma, o Maroni per Roma...

    RispondiElimina
  16. Giustissimo, con affluenza in calo il più danneggiato è Grillo, ma sostenere questo equivale a sostenere che i voti a Grillo sono dati così tanto per, non voti convinti.
    Non sottovaluterei il concetto che una forza vincente di solito è accattivante, uno magari non ha voglia di andare a votare una formazione votata alla sconfitta, ma dopo una bella vittoria, ed alle politiche la vittoria del Movimento è stata indubbia, sarebbe stato lecito rilevare verso il Movimento una giocosa euforia con gente desiderosa di far sentire il peso della novità, anzi della novità vincente.
    Ma li hai sentiti i commenti prima del voto alle regionali del Friuli ? "Adesso avremo la prima regione del M5S", sia da parte di Grillo che di tutti i sostenitori, se si nega che qualcosa non ha funzionato si commette un grosso errore, il problema è capire se la mancanza di "onda lunga vincente" è dovuta alla peculiarità delle elezioni friulane, se si inceppato qualcosa nel meccanismo di comunicazione tra Grillo e la gente oppure se gli elettori friulani hanno deliberatamente voluto punire il Movimento per qualche comportamento negli ultimi due mesi.
    La discussione, secondo me, dovrebbe essere su questi punti.

    RispondiElimina