Sondaggio Ipsos per Ballarò - Pd raggiunge Pdl


Nando Pagnoncelli ha appena presentato il nuovo sondaggio Ipsos per Ballarò sulle intenzioni di voto degli italiani.
Secondo questa ultima rilevazione il PD e il PDL sarebbero alla pari raccogliendo un consenso pari al 27,7%.
C'è però da ricordare che Ipsos attribuisce al PD, di solito, un consenso leggermente maggiore alla media degli altri istituti.

Ecco i cartelli:



Da oggi potete discutere dei sondaggi anche sul nostro forum di discussione http://sondaitalia.netplace.me/

By Primo
Share on Google Plus

About ~Primo

9 commenti:

  1. Verissimo, Pagnoncelli dona sempre percentuali piu' alte al PD....

    Pero' confrontando i sondaggi il trend e' quello.Diciamo, che il PD e' ancora un paio di spanne dietro......

    RispondiElimina
  2. Secondo me i sondaggi stanno andando un pò a tentoni, non si può prescindere dai dati aggregati delle amministrative che danno invece al centrosinistra una media di 3-4 punti in più del centrodestra, una sinistra senza PD che dove si presenta supera quasi spesso il 10%,
    un M5S in declino forse a favore della suddetta, ed i centristi che o non si presentano oppure sono molto legati a singole personalità.
    Fonte http://cise.luiss.it/cise/2013/06/06/ballottaggi-2013-il-quadro-del-primo-turno/
    Ne emerge un quadro, che sarà completato dai ballottaggi e dal voto in Sicilia, ma che a livello nazionale vede un PDL debole, non avendo più dietro la ricca cassaforte Mediaset ormai in prefallimento essendo in rosso da almeno un anno, nonchè i già baldanzosi militanti di AN dispersi dopo la brutale esecuzione politica di Fini che era l'unico cervello un pò politico del centrodestra, e che ha avuto l'ardire di chiedere il rispetto dei patti stipulati all'atto della fondazione del PDL, e cioè che in questa tornata elettorale doveva essere il successore di Berlusconi.
    Evidentemente pur essendo un professionista della politica (categoria disprezzabilissima ormai estinta)non si era reso conto che i poteri occulti avevano già deciso la sua eliminazione, che però ha privato il centrodestra del suo pilastro presentabile.
    Mi pare si vada verso un declino irrervesibile del PDL, abbastanza rapido, ed una riemersione della sinistra-sinistra al posto del meteorico M5S.

    RispondiElimina
  3. la sinistra-sinistra mi sfugge quale sia (in Italia)

    il M5S so' 4 anni che è "meteorico", ed è passato dal 3 al 10 al 25%

    la pseudoflessione delle amministrative è solo un'illusione, lì il vero dato fondamentale è un'astensionismo impressionante, ed è un campanello d'allarme per i partiti non per il Movimento (ma i partiti lo sanno benissimo, infatti hanno dovuto dire l'esatto contrario)

    RispondiElimina
  4. l'unico dramma del movimento sarà quando peppe si stuferà... per il resto è perfetto.

    RispondiElimina
  5. Il vero test sulla tenuta dell'M5S saranno le comunali in Sicilia in confronto alle regionali.
    Se tiene, allora ha preso piede, altrimenti sarà passato come l'IDV o Rivoluzione Civile,
    Del resto il PDL è destinato a sgonfiarsi alla svelta, in parallelo con i guai economici e giudiziari di Berlusconi, e il PD rischia di trovarsi con poca concorrenza sulla sua destra.

    RispondiElimina
  6. dario, le amministrative sono assolutamente imparagonabili alle politiche nazionali, non lo dico per portare acqua al mulino perché non devo vendere nessuna merce, né è nelle mie corde fare il tifoso, per niente.. semplicemente conosciamo i nostri polli, si sa che nelle votazioni locali contano i partitoni radicati da decenni che hanno affondato i tentacoli ovunque, i parenti e amici di famiglia (poi ci sono sicuramente quelli che votano per fede politica, ma oggi quanti sono obiettivamente? Il dato più significativo di queste ultime amministrative è l'astensionismo senza precedenti, il che indica che comunque qualcosa si sta smuovendo.. e le "scosse" nella situazione politica attuale, vengono solo da una parte, mi pare inutile specificare quale...)

    Il Movimento è poi un fenomeno del tutto inedito, difficilmente valutabile coi parametri cui siamo abituati e assolutamente imparagonabile a Idv e Rivoluzione Civile, galassie diverse

    Detto ciò, piccola nota su quello che è avvenuto oggi:

    Sel, un partitello che manco doveva esserci in Parlamento, miracolato dopo essere salito sul carro del Pd e sganciatosi con tempismo perfetto al momento opportuno, arraffa la presidenza della giunta per le elezioni, che aggiunge al premio di maggioranza ed alla presidenza della camera (ed era il partito che accusava il M5S di "poltronismo"), e già tentenna e cambia discorso sulla ineleggibilità del solito noto. Stesso discorso più o meno per la Lega.

    Benissimo, adesso per favore finiamola con la solita tiritera de "la Lega e Sel sono diversi, infatti sono all'opposizione", vi prego...
    Spero che adesso sia davvero chiaro a tutti cosa sono e a cosa servono Sel e Lega.
    E non venitemi a parlare di cantieri della sinistra e roba simile, perché sono vent'anni e più che è aperto il cantiere della sinistra, abbiamo visto una girandola infinita di "salvatori del partito" e l'unico risultato ottenuto è stato quello di distruggere ogni minima parvenza di sinistra in questo paese. Hanno avuto tutto il tempo, le possibilità e le occasioni, anche troppe. Molte più di quante ne meritassero. Non possiamo permetterci di aspettare altri venti anni, quindi basta... è M5S contro marciume partitico, è finito il tempo per le scuse, pretesti e ridicoli distinguo

    RispondiElimina
  7. E difatti il M5S ha preferito avere Fico alla Vigilanza Rai piuttosto che Fava al Copasir, che avrebbe potuto svelare le mene di Berlusconi e D'Alema.

    RispondiElimina
  8. Al Movimento sarebbero spettate entrambe, ma ha avuto la più innocua di tutte (ripeto, con più del 25% dei voti, unica opposizione vera coerente dall'inizio, i "poltronai")

    Ma poi in che termini poni la questione, perché il Movimento poteva scegliere se avere Fico alla Rai o Fava al Copasir? :)

    Quanto Sel sia contro Berlusconi e D'Alema poi, penso lo abbia ampiamente dimostrato ieri (tra l'altro ha già tentennato sulla ineleggibilità di B. questione che spetta alla commissione appena ottenuta) , a questo punto è stato svelato definitivamente anche il gioco delle finte opposizioni pronte a sganciarsi e riagganciarsi al momento opportuno (ma poi vogliamo ancora raccontarci che il Pd si è scoperto l'amichetto del cuore di B. da due mesi? E che Vendola se n'è accorto da poche settimane di cos'era il suo alleato?)

    Quindi basta distinzioni per stare in pace con la coscienza, chi più chi meno, con diversi ruoli e atteggiamenti, ma tutti i partiti contribuiscono a tenere in vita il sistema globalmente corrotto che da decenni governa l'Italia.
    Ormai è M5S contro mafia partitocratica, prima ci si fa coraggio e se ne prende atto meglio è

    RispondiElimina
  9. Io spezzo una lancia per Fava perchè è una persona seria, il padre era un ottimo giornalista catanese ammazzato dalla mafia perchè dava fastidio ai cavalieri del lavoro locali del settore edilizia, SEL purtroppo governa in troppi posti con il PD e quindi si adegua.
    Del resto pure nell'M5S si sono scontrati il mancato presidente della commissione elettorale del Senato col suo capogruppo Crimi che si era "perso".
    Io ormai confido nel passaggio in giudicato della sentenza Mediaset su Berlusconi, con la sua ineleggibilità, oppure nella crisi definitiva di Mediaset che è in rosso da parecchi trimestri.

    RispondiElimina