lunedì 11 aprile 2011

Sondaggio: Il potenziale politico di Montezemolo

Su Affaritaliani.it troviamo un sondaggio SWG sul potenziale elettorale di Montezemolo.
La ricerca di SWG, condotta su un campione di 1.500 soggetti dal 7 all'8 aprile 2011 rileva dati incoraggianti per la discesa in campo di Luca Cordero di Montezemolo.
Ben il 59% degli italiani approva la sua discesa in politica contro un 35% contrario. Il 7% non sa.
Scendendo nel concreto, il 35% degli italiani si dice pronto a votare una lista che veda Montezemolo come Leader(12% sicuramente si;24% probabilmente si).


Interessante vedere come gli italiani posizionano politicamente Montezemolo.
Per il 32% Montezemolo è di centro.
Per il 30% di centrosinistra.
Per il 29% di centrodestra.

Quest'ultimo dato in particolare deve far riflettere.
La riuscita elettorale di un partito avente come leader Montezemolo dipenderà molto dalle reazioni degli altri partiti soprattutto nel centrodestra.

Chi infatti si dice oggi sicuro o possibilista nel votare Montezemolo andrà a scontrarsi con una realtà preesistente solidificata nel tempo. L'atteggiamento dell'elettore al momento del voto, tende a tornare maggiormente conservatore. L'entusiasmo che accompagna spesso una situazione nuova, il fascino di un nuovo progetto potrebbe in molti casi affievolirsi con l'avvicinamento delle elezioni, dove il cambio del voto storico richiede più coraggio.

Sarà fondamentale poi il posizionamento politico di questa possibile nuova realtà politica. Come abbiamo visto dai dati SWG, per gli italiani Montezemolo non sembra avere ad oggi una posizione chiara all'interno di uno dei tre schieramenti. Nel momento in cui dovrà prendere una decisione, dichiarando quelle che sono le sue coordinate politiche sicuramente ci sarà una perdita di consensi in chi oggi lo sosterrebbe convinto che Montezemolo condivida la propria posizione politica.

Semplificando, una persona che ha sempre votato PD, che oggi sarebbe disposto a dare il proprio voto al partito capeggiato da Montezemolo, probabilmente se quest'ultimo dovesse dichiararsi di centrodestra, ritirerebbe la propria disponibilità a supportare con il proprio voto questo nuovo partito. Naturalmente stesso discorso nel caso contrario