Per la base del PD per D'Alema Bindi o Veltroni è tempo di lasciare

Il sondaggio di Ferrari Nasi & Associati realizzato per Libero Quotidiano interroga gli elettori del Partito Democratico sul futuro politico di alcuni sui dirigenti storici.

Spostando l'attenzione sul tema più immediato delle primarie nei dati del sondaggio Bersani mantiene un vantaggio importante come candidato premier di coalizione.
Il sondaggio è stato realizzato tra il 25 ed il 27 agosto 2012 su un campione di 800 casi.

Per approfondire consiglio di leggere l'articolo di Arnaldo Ferrari Nasi a questo link
Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

7 commenti:

  1. Ma scherziamo? Sono proprio D'alema, Veltroni e Bindi che stanno distruggendo il PD. Lasciamoli là ancora un pò..

    RispondiElimina
  2. Grillo più Renzi significherebbe realmente un cambiamento. Io probabilmente voterò m5s ma prima di tutto tifo per l'Italia, e quindi, all'interno del PD, per Renzi.
    Avere persone fresche e giovani, pur con idee diverse, sarebbe fantastico.

    Non dimentichiamoci che stando ai sondaggi il PD è ancora il primo partito d'Italia. Se Renzi andasse su, insieme al m5s, potrebbero realmente fare ottime cose.

    Ai seguaci di Grillo: non siate prevenuti su Renzi. Se andasse su al posto dei vecchi dirigenti ne avremmo di guadagnato tutti.

    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Uno meglio dell'altro nel pd, avete proprio una carrellata di begli elementi. D'alema il re degli inciuci, Veltroni l'ex sindaco ladro, la bindi una suora mancata, bersani l'uomo senza palle e per ultimo renzi, lol bono quello. Quello che vuole mettere il bruciatore a tutti costi e che sperpera i soldi del contribuente per vacanze e cenette con gli amici.

    http://www.qelsi.it/2012/matteo-renzi-ha-speso-20-milioni-di-euro-da-presidente-della-provincia-pagati-dal-contribuente/

    Complimenti, avete proprio dei degni rappresentanti, uno + merdoso dell'altro.

    RispondiElimina
  4. D'alema, Rutelli, Casini, Veltroni devono lasciare. Forse anche Bindi.

    Achille Occhetto perse e si mise da parte !
    In tutto il mondo occidentale (Francia, Stati Uniti, Inghilterra, Germania) si fa così. In Italia no.
    Da quando voto (ed oramai sono 20 anni) i politici sono quasi sempre gli stessi.

    Non e' cambiato niente

    RispondiElimina
  5. Achille Occhetto perse ma non si mise da parte, continuo' a fare politica ancora per un po' in altri modi e in altre vesti.

    Mi spiace ma Renzi non e' compatibile col M5S e non lavorerebbero mai assieme. Questa alleanza infernale non e' nelle cose. Il PD e' un partito marcio dall'interno, non si capisce qual e' il valore aggiunto di salvarlo. Affondiamo lui e gli altri partiti marci, largo a nuovi partiti senza lacci e lacciuoli col passato, vecchie ideologie, lobby, parentopoli e finanziamenti pubblici e non.

    RispondiElimina
  6. Matteo Renzi vai avanti è la volta buona che ci liberiamo di D'Alema e Veltroni. Tanto il Pd le primarie le perde con chiunque

    RispondiElimina