SWG le intenzioni di voto degli italiani ad oggi

Sondaggio elettorale sulle intenzioni di voto degli italiani SWG presentato questa mattina ad "Agorà".
Indecisi/non rispondo: 27,9%
Astenuti: 21,4%


Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

17 commenti:

  1. Ottima la crescita dei 5 stelle, pessima l'Idv ad appena il 5% dei voti. Ma ci rendiamo conto però che con questi voti e considerando che Grillo non vuole allearsi con nessuno alla prossima legislatura sarà sempre più probabile una grande coalizione dal Pd al Pdl con Monti di nuovo premier ?

    La strategia di Grillo è inutile perché anche se il suo movimento arrivasse al 45% dei voti (cosa assai improbabile)non avrebbe comunque i voti sufficienti per governare da solo e siccome non vuole allearsi con nessuno, nemmeno l'idv e Sel, alla fine a decidere sarebbe i soliti partiti di sempre. E io sto parlando di un 5 stelle al 45% ma sappiamo bene che difficilmente supererà il 25% dei voti. Insomma alla fine Grillo potrà solo aspirare a fare l'opposizione ma qui non si deve fare l'opposizione che non conta nulla, qui bisogna battersi per governare altrimenti comanderanno i soliti banchieri con la benedizione di Napolitano, della Chiesa e del Pd-Pdl-Udc.

    Guido.

    RispondiElimina
  2. Sto guardando il sondaggio di Ballarò della scorsa settimana

    http://www.sondaitalia.com/2012/09/ballaro-il-sondaggio-elettorale-ipsos.html

    e sto facendo il confronto con quello di questa.

    Sono schifato e senza parole: l'Idv in una settimana in cui, grazie allo scandalo del Lazio e del Pdl, avrebbe dovuto guadagnare punti (è un partito che della legalità ha sempre fatto un elemento centrale della sua politica) invece crolla passando dal 6,9 al 5,0%. Ma che cazzo c'entra questo crollo? Come se l'Idv fosse alleato con il Pdl....

    Purtroppo credo che stia funzionando l'ostruzionismo che l'informazione prezzolata dal Pd-Napolitano sta facendo ai danni del partito di Di Pietro ma c'entra anche quest'ultimo che ogni settimana cambia idea sulle alleanze (un giorno chiede l'alleanza a Grillo il giorno dopo a quei cialtroni del PD). Altra nota negativa: come al solito quando va male il Pdl crescono i fascisti in salsa verde e così in una settimana i razzisti della Lega passano dal 5 al 6%. Come semopre c'è una fetta di coglioni che dimentica facilmente gli scandali leghisti. Abbandonano sì il Pdl ma finiscono per votare la Lega come se avessero dimenticato le truffe della famiglia Bossi.
    Povera Padania, povera Italia !

    Guido

    RispondiElimina
  3. Piacerebbe anche a me che ci fosse un governo 5stelle già dalla prossima legislatura, per quanto sarebbe difficilissimo portare avanti un'esperienza del genere. Ma se la fretta ci porta a ragionare termini di alleanze strategiche il Movimento rischia di essere inglobato dal sistema e c'è il pericolo di mandare tutto all'aria. Le vere rivoluzioni sono molto più lente e silenziose e purtroppo richiedono pazienza, per quanto sconcertante appaia constatare quanta gente sia disposta ancora a votare la holding ABC.
    Credo sarà necessario vedere i 5stelle in azione in Parlamento prima che molti si convincano che 1) il Movimento non è Grillo e basta 2)C'è del marcio nella partitocrazia nella sua globalità, per non dire nella testa degli italiani. E anche per questo ritengo sia doveroso impegnarci tutti per una rivoluzione innanzitutto culturale, soprattutto nell'informazione e nelle comunicazione

    Dei sondaggi in genere comunque non mi fido moltissimo, ma il mio timore è che cercheranno non tanto di far avvicinare le percentuali alla realtà quanto la realtà alle percentuali

    RispondiElimina
  4. sd sei troppo ottimista; o Grillo vince adesso o non vincerà più.
    Da qui ai prossimi anni potrebbe cambiare tutto,Berlusconi scomparirà dalla scena politica, le alleanze cambieranno, potrebbe ritornare a crescere leggermente l'economia (non per meriti nostri ma sovranazionali) e questo basterebbe a fare diminuire la quota di gente pronta a votare i cinque stelle.
    Cinque stelle è sempre un movimento di protesta non radicato nel territorio come il Pd, per crescere ha bisogno di una continua tensione, di depressione economica e gente disperata. Venendo in parte meno questi elementi di criticità verrebbe in parte meno la propensione a votare per Grillo.

    Resto dell'idea che Grillo, Di Pietro e la Sinistra radicale dovrebbero allearsi.

    Guido

    RispondiElimina
  5. Per chi vota ancora convintamente PD:

    "In Italia c’è un mito, una balla atomica. Il mito del ventennio berlusconiano nato sulle ceneri della Prima Repubblica. La realtà è molto diversa. Dal 1992 al 2011, anno del governo bancario di Rigor Montis nominato dalla BCE, Pdl e Pdmenoelle si sono alternati come un tempo Bartali e Coppi sulle salite, passandosi la borraccia dell’acqua e votandosi le leggi a vicenda. Il centro destra ha governato per 3.341 giorni, pari al 47%, il centro sinistra per 3.254 giorni, pari al 46% con l’intermezzo del governo tecnico di Dini. Pari e patta. Pdl e Pdmenoelle, stessa faccia, stessa razza. Stessi interessi. Per correttezza, il ventennio passato dovrebbe essere chiamato Ventennio dell’Inciucio.

    RispondiElimina
  6. nessuna alleanza per i 5 stelle, non si possono mischiare persone che vogliono cambiare il sistema a persone appartenenti a partiti che,anche se apparentemente onesti,hanno fatto parte di governi o regioni in cui tutti rubavano o commettevano veri e propri abusi nei confronti degli elettori. Per conto mio non possono non essere a conoscenza di ciò che accadeva, sono stati in silenzio fino ad adesso perché si dividevano la torta. Pensate un po' se sul vostro posto di lavoro qualcuno tutti i giorni rubasse qualcosa...se non ve ne accorgereste sareste veramente tonti! E questi qui se sono tonti è meglio lasciarli a casa!!!!

    RispondiElimina
  7. col 45% avrebbe il premio di maggioranza e potrebbe governare con uno schieramento del tutto omogeneo, cosa che per gli altri è impossibile perchè sono in coalizioni del tutto eterogenee

    RispondiElimina
  8. Anonimo 14:04, al contrario, io vorrei essere più ottimista e immaginare che il Movimento ottenga più del 50% nel 2013! :) Ma secondo me non bisogna illudersi di poter vedere ribaltarsi questo stato di cose dall'oggi al domani.. una prima molla può essere senz'altro questa maledetta benedetta crisi, poi, una volta "infiltrati" in parlamento i portavoce 5stelle, a mio avviso sarà lo stesso confronto diretto e non più "a distanza" tra due modi di fare politica a fare da molla successiva, indipendentemente dagli sviluppi della congiuntura economica.
    Certo non abbiamo ancora idea di quali mezzi e a quali spaventose bassezze ricorreranno per sabotare i "grillini" i partiti, quelli lì sono pronti a tutto. E l'entrata in parlamento sarà anche l'occasione di mettere alla prova i presunti partiti alternativi (io sono scettico sulle alleanze), di vedere quanto sono davvero contro questo sistema marcio.
    Non credo che il M5s realizzerà il paradiso in terra, non mi piacciono i sensazionalismi e ci saranno incidenti di percorso... ma sicuramente con le sua impostazione e il suo autocontrollo molto più rigido e sviluppato il Movimento consentirebbe un passo in avanti importante verso la realizzazione di una democrazia compiuta, e fosse solo per far gettare la maschera definitivamente ai tanti che si sono riempiti la bocca con le espressioni "democrazia" "ci ha votato il popolo" etc., fosse anche solo per questo, quello 5stelle mi pare un progetto che merita supporto

    RispondiElimina
  9. Il m5s se si alleasse con IDV e Radicali perderebbe di credibilità.

    Entrambi i partiti sono dei mangiasoldi che hanno sempre preso i rimborsi elettorali in barba al referendum del 93, e questo è imperdonabile. O restituiscono tutto il maltolto dal 93, ma si parla di milioni di milioni e ciò è improbabile, oppure si fottano e si alleino con il PD (come fanno quasi sempre, vergognosamente, pur di avere poltrone).
    Come dimostra il grafico a metà articolo, solo nel 2008 IDV, che ora non vorrebbe più i rimborsi con Di Pietro che "eroicamente" fa lo schifato, ha havuto un guadagno secco del 529%, ovvero su 3,4 milioni spesi per la campagna, ne ha accettati 21,6. E non voglio pensare negli anni prima quanti milioni ha preso.. Idem i radicali!

    Inoltre sono sicuro che lo scandalo dei rimborsi sia nato solo grazie al m5s che li ha rifiutati e che è cresciuto di consensi, altrimenti anche IDV li continuerebbe a prendere. Facile seguire l'ondata di malcontento e dire ora di no ai rimborsi! Davvero facile! In tal modo si possono ricevere un sacco di applausi dalla gente poco informata.

    Vuoi sapere Guido con chi, secondo me, potrebbe allearsi il m5s? Con i Pirati italiani, che secondo me al 5% ci arriveranno nel 2013! Loro sono già più simili al m5s, anche se diversi per molti aspetti. Però si parla di una possibile alleanza per le elezioni del 2018, sempre secondo me, in quanto per ora troppo sconosciuti e la gente non si fiderebbe.

    RispondiElimina
  10. Ops, ecco il link col grafico http://www.byoblu.com/post/2012/04/10/Chi-ha-incastrato-Renzo-Bossi.aspx

    RispondiElimina
  11. 13:17

    Non vorrei rovinare anche i tuoi sogni bagnati ma anche l'IDV ha pappato nella greppia di fiorito, quindi non mi stupisco che, a buon ragione, scendano anche loro.

    http://www.politica24.it/articolo/scandalo-regione-lazio-anche-pd-e-idv-d-accordo-con-fiorito/24735/

    Ma vi volete informare invece di votare ad occhi chiusi sempre i soliti ladri?


    13:04

    Se il proporzionale passerà ed il m5s prendesse un "ipotetico 45%", potrebbe benissimo governare dato che per legge il primo partito prende un premio pari al 15% dei seggi complessivi in palio. In sostanza avrebbe la maggioranza dei seggi, anche se penso che aimè il 45% non lo si becca proprio.

    RispondiElimina
  12. Purtroppo ci vorrebbe una legge a doppio turno come nelle amministrative.Comunque d'ora in avanti il m5s vola.Bisogna crederci!

    RispondiElimina
  13. Cari grillini, penso che nella mia famiglia (5) voteremo tutti per M5S ma non mi piace affatto il modo fideistico e sprezzante con cui vi confrontate sul web. Anch'io sono schifato dal mondo politico attuale ma non mi va di leggere la violenza trasversale che promana dagli interventi in questo sito ed in quello più ampio della rete.
    Forse si pensa che Beppe Grillo e la sua creatura siano un movimento definito e concreto ma non credo affatto lo sia e debbo dire che il cambiamento potrebbe presto trasformarsi in qualcosa di non facilmente controllabile anche tenendo conto delle reazioni di chi è attualmente al potere. Non so se esista una rivoluzione senza vittime, speriamo sia una fra le poche!
    Riccardo

    RispondiElimina
  14. Ciao Riccardo,

    se talvolta leggi commenti sprezzanti e' perche' in politica ci sono lupi e lupi travestiti da pecore. Berlusconi e' un lupo e se ne vanta: chi vota sa esattamente chi e cosa sta votando, senza se e senza ma. Di lui si sa tutto e lui non fa nulla per dissimulare o negare.

    Gli altri, i vari SEL, IDV, PD, UDC sono tutti lupi travestiti da pecore. E questi, per il M5S, sono i partiti piu' pericolosi. L'espressione piu' o meno felice pdmenoelle ad indicare il pd serve proprio a dichiarare: pari siete. Quando la Polverini ha dichiarato che uno dell'IDV ha scelto per l'arbitrato un suo portaborse Di Pietro non ha detto "e' uno schifo, l'ho espulso subito" ma ha detto "ma per la legge non e' reato". E questo e' l'uomo piu' a sinistra di tutti. Per non parlare di Vendola che non si dimette nonostante lo scandalo sanita', per non parlare del PD che non da' i dettagli del bilancio in Lombardia, per non parlare di cio' che le inchieste della finanza in Emilia e in Piemonte fara' emergere, per non parlare delle cose che stanno emergendo su Renzi, per non parlare delle ostriche del sindaco Emiliano o delle persone oneste fatte fuori improvvisamente da De Magistris (a partire da Rossi).

    Il M5S non e' "buonista" con i partiti di centro sinistra perche' sono i peggiori. Purtroppo molti fanno difficolta' a capirlo perche' il travestimento da pecora e' fatto molto molto bene: ma se si studiano le inchieste e ci si documenta si vede che in quanto a voracita' i lupi del centrosinistra sono piu' pericolosi di quelli del centrodestra. Poi che alcuni toni sono troppo aggressivi da parte di alcuni utenti della rete lo riconosco, ma spesso e' gente senza un lavoro che davanti a notizie di aumenti del costo della vita e' un po' (solo un po') arrabbiata con gli sprechi della nostra politica.

    RispondiElimina
  15. adelante beppe non mollare !

    RispondiElimina
  16. Questo sondaggio mi sembra il più vicino alla realtà. Il pd sta crescendo perchè le primarie e renzi hanno catalizzato l'attenzione di elettori pd che sino ad alcuni mesi fa erano orientati verso il m5stelle. Ecco perchè il m5stelle aveva avuto un leggero calo. Ma credo che a breve il m5stelle ripescherà nel bacino elettorale "moderato" di pdl e lega, in quello deluso del pd idv e sel appena si sgonfia l'effetto primarie. Il m5stelle può sfondare se si organizza meglio, se usa un linguaggio graffiante sui problemi ma non volgare, e se propone programmi su questioni decisive come lo sviluppo, l'occupazione, il welfare. Ovviamente divulgare meglio anche i provvedimenti anticasta (da cui si evince in modo chiaro che le risorse reperibili da questo versante possono essere utilizzate su questioni più concrete e più palpabili alla gente)

    RispondiElimina
  17. rettifico "moderato" di pdl e lega in "meno radicato" di pdl e lega

    RispondiElimina