Sondaggio elettorale TG LA7 di Mentana elezioni 2013


28/01/2011: Ecco i dati del sondaggio elettorale EMG appena diffusi da Enrico Mentana durante il Tg LA7 delle 20:00 di oggi 21 gennaio 2013. Il confronto è con l'ultimo sondaggio EMG che risale al 21 gennaio 2013.


PD: 30,7 -1.1
SEL: 4.7 +0.6
ALTRI CSX: 1.4 +0.2
TOTALE COALIZIONE CENTROSINISTRA:36.8 -0.3

PDL: 20.0 +1
LEGA NORD: 4.7 =
LA DESTRA: 1.6 -0.6
FRATELLI D'ITALIA: 0.7 -0.2
ALTRI CDX: 1.0 -0.2
TOTALE COALIZIONE CENTRODESTRA: 28.0 =

UDC: 3.1 -0.4
CELTA CIVICA CON MONTI: 9.6 -0.5
FLI: 1.8 +0.2
COALIZIONE MONTI: 14.5 -0.7

MOVIMENTO 5 STELLE: 13.5 +0.7

RIVOLUZIONE CIVILE: 5.0 +0.4

FARE PER FERMARE IL DECLINO 1.0 =
AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTA' 0.6 +0.1
PLI: 0.4 =
ALTRI 0.2 -0.2

ALTRI PARTITI: 2.2 -0.1

INDECISI: 9.2 -1.2
BIANCA: 2.4 -1
ASTENSIONE: 27.7 +0.8
Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

35 commenti:

  1. Ma in quale mondo vivete? La piazze le riempie solo il moVimento 5 stelle!

    RispondiElimina
  2. le piazze di grillo le riempiono i nullafacenti e i lazzaroni.

    RispondiElimina
  3. Lazzaroniiiiiii! Come vi permettete di togliere dalle mani il giochino Italia usato così bene fino adesso?? Lazzaroni! :D

    RispondiElimina
  4. Secondo me il M5S arriverà almeno al 22% , il 70% dei giovani dai 18-35 anni votano Grillo, di certo chi crede nell'esattezza di questi sondaggi avrà delle belle batoste. Nei comizi di Grillo ci sono anche Avvocati, insegnanti, commercianti medici ed imprenditori, garantisco.

    Monti può solo esser votato dai banchieri/accademici/bigotti religiosi e super ricchi

    PD è invotabile, almeno da chi abbia realmente capito la politica nazionale degli ultimi anni, quindi purtroppo VINCERA'!

    PDL verrà votato per la disperazione delle tante aziende che stanno morendo senza colpa.

    RispondiElimina
  5. Per me il movimento cinque stelle, così come è concepito è una buffonata! Che si candidi Grillo premier allora, ma è più facile tirare le fila del teatrino da dietro le quinte e poi lanciarsi in una sorta di guerrilla marketing della poilitica avventandosi come un avvoltoio per fare notizia... L'ennesima buffonata all'italiana! Mi piacerebbe sapere quanto ci guadagna il vostro Santo Grillo da tutta questa notorietà: di sicuro non tribula ad arrivare a fine mese come tanti di noi! In Italia avremmo bisogno di Riformatori veri e non di buffoni, puttanieri e conservatori... Povera Italia!

    RispondiElimina
  6. Potresti anche avere ragione tu Gianni, non sono un attivista nè un fans di grillo, ma nel panorama attuale di chi ti fideresti? io preferisco fare piazza pulita e votare chi, se non altro, ha capito che l'Euro è una truffa Franco-Tedesca ed ha già restituito TUTTI i rimborsi elettorali, tra l'altro limitando lo stipendio di tutti a 2500 Euro, quindi voterò M5S, mi fermo qua altrimenti il discorso diventa lungo

    RispondiElimina
  7. Se non fossimo entrati nell'euro avremmo la benzina ad oltre diecimila lire, le case senza riscadamento ed i morti per fame nelle strade.

    RispondiElimina
  8. Mah, di questo proprio non sono sicuro, la stragrande maggioranza degli economisti di tutto il mondo la pensa diversamente, questo è un dato di fatto non una chiacchiera, sicchè non posso pensare che vogliano tutti morire per le strade. Ovviamente le posizioni vanno rinegoziate.

    Secondo me Grillo non potrà vincere ma prenderà anche oltre il 22% dei voti a febbraio, credo che sia importante avere una seria alternativa di protesta in parlamento.

    RispondiElimina
  9. Pierluigi, stai ripetendo una frottola che ti hanno raccontato i media di regime.

    Sappi che la benzina in italia costa così tanto perchè il 70% è fagocitato dalle accise che sono prettamente tassazioni italiane non europee. E su queste tasse paghi anche l'iva, cioè paghi le tasse sulle tasse. Il costo reale della benzina sta in quel restante 30% e anche se si dovesse pagare un 20% di differenza sulla benzina uscendo dall'euro, il costo si aggirerebbe sul 35% totale invece del 30%.
    (20% di 30% = 5% quindi 30% + 5% = 35%)

    Ecco il GRANDE rialzo. Sono le accise che vanno eliminate ed aggiungo una cosa, le esportazioni uscendo dall'euro risalirebbero vertiginosamente. L'europa fino ad ora è stato solo un ladrocinio della germania e della francia verso gli altri paesi dell'euro, con il consenso dei nostri governi che ne hanno ricavalo i loro bei interessi, non a caso loro (in particolar modo la germania) si sono arricchiti e gli altri stanno collassando uno dopo l'altro.

    RispondiElimina
  10. correggo piccolo errore matematico:

    Da 30% passa al 36%
    (20% di 30% = 6% quindi 30% + 6% = 36%)

    RispondiElimina
  11. Homer sei fuori !! se ci fosse la lira quindi sparirebbero le accise sui carburanti ? ma è una boutade ?

    RispondiElimina
  12. Concordo con Pierluigi senza l'euro ci sarebbero morti per fame, o quantomeno redditi almeno dimezzati per i lavoratori. certo qualche imprenditore di manufatti di scarsa tecnologia potrebbe avvantaggiarsi, ma solo fino a quando non becca la concorrenza di paesi poveri.

    RispondiElimina
  13. Non mi hai capito, non ho detto che se ci fosse la lira sparirebbero le accise, ho detto che siccome la cavolata che sparano sempre quelli che sono contro l'uscita dall'euro si concentra sulla crescita dei costi del petrolio, bè questa asserzione non corrisponde a realtà dato che come ho già detto il reale costo del petrolio che può cambiare è quello che corrisponde al 30% della cifra totale, dato che il restante 70% sono tasse messe dall'italia e che quindi:

    "non hanno nulla a che fare con gli incrementi dall'uscita dall'euro".
    Compreso?

    Ricapitolando, l'unica crescita del costo della benzina sarebbe di un 6% circa in + come spiegato nel post precedente. Quindi parlare di disastrosi aumenti del petrolio se si esce dall'euro è una pataccata epica.

    Al contrario aumenterebbero le esportazioni, il turismo e tutto ciò che concerne quest'ultimo che è poi la maggiore fetta di entrate che ha questo paese. L'italia rifiorirebbe.
    Oltre a ciò potremmo dosare gli interessi da pagare sul debito mettendo percentuali oneste come fa il giappone che ha quasi il doppio del nostro debito ma che paga il tutto con percentuali bassissime proprio perchè agisce sulla sua moneta (lo yen).
    Di conseguenza non dovremo pagare interessi salati all'europa di un debito che non fa altro che crescere da sempre. In sostanza non andremmo incontro ad una bancarotta annunciata.

    Oltre a ciò c'è sempre la possibilità di uscire monetariamente e rimanere nell'euro solo per alcune regole che non danneggino l'italia, come d'altronde fa la stessa inghilterra che continua ad usare la sterlina (infatti sta meglio di molti paesi europei) ma ha abbracciato alcune regole dell'europa.

    Ragionate con la vostra testa non vi fate prendere in giro dai media di regime, ci sono fior di premi nobel nell'ambito dell'economia che dicono ciò che sto dicendo io, sto solo riportando le informazioni.
    Quando vi dicono che sarebbe un male è perchè i politici corrotti di questo paese hanno i loro sporchi interessi, ma come fate a non capirlo.

    RispondiElimina
  14. Sull’euro quoto totalmente Pierluigi e Stefano. Se domani uscissimo dall’euro per tornare alla lira dovremmo subito svalutare la moneta di almeno il 30%. L’inflazione crescerebbe subito e non avremmo più nemmeno i soldi per pagarci la benzina o il riscaldamento.
    Gli unici che ci guadagnerebbero sarebbero quelli che hanno portato i capitali all’estero.
    Non credo proprio che si potrebbero abolire le tasse sui carburanti. Rappresentano una delle principali fonti del fisco e nessun governo, nemmeno Grillo, sarebbe così pazzo da rinunciarci, vista la mole del debito pubblico.
    Persino il Nobel Krugman che si è sempre definito euroscettico riconosce che abbandonare l’euro sarebbe una scelta rischiosissima dal punto di vista economico oltrechè una gravissima sconfitta politica. Chi trascura questo aspetto politico commette un grave errore. Solo 70 anni fa la guerra ha causato 40 milioni di morti in Europa.

    RispondiElimina
  15. A proposito di uscita dall'euro, (premetto che non sto dicendo che dobbiamo o non dobbiamo uscire), ma è comunque giusto che decidiamo noi è noi i politici.

    Comunque guardate un po' qui!

    http://m.youtube.com/watch?hl=it&gl=IT&client=mv-google&v=PwRw2HCht4E

    RispondiElimina
  16. Juan pure te mi pigli fischi per fiaschi?
    Raga o non leggete o siete duri di comprendonio, cavolo l'ho scritto 3 volte.

    Ripeto un altra volta sperando sia quella buona: non parlo di abolizione delle accise dico che si paga quella parte che non riguarda le accise e solo quella sale di costo ma essendo una percentuale molto ristretta (30% circa) non crea questo spavento che si teme.
    Ma ci vuole tanto a leggere attentamente?

    RispondiElimina
  17. Homer sei offensivo nel dire a chi non è d'accordo con te di ragionare con la propria testa.
    Giudichi senza conoscere, se le persone non la pensano come te (cioè male) devono per forza essere non libere o non preparate.
    Ti assicuro che sbagli e di grosso e continuo a credere che uscire dall'euro sia per l'Italia una era e propria catastrofe economica.
    A proposito, se più di una persona non ti capisce non è perchè son duri gli altri, ma solo che tu hai poche idee e ben confuse.

    RispondiElimina
  18. L'uscita dall'euro sarebbe subito interpretata come incapacità dell'Italia a pagare i propri debiti, quindi il tasso d'interesse sui debiti stessi aumenterebbe a dismisura e non ci sarebbero più Draghi e la BCE a calmierare i mercati. Sarebbe la fine per l'Italia.

    RispondiElimina
  19. Io porto i fatti, con numeri e conteggi reali, basterebbe informarsi un attimo per capire quanto influiscono le accise nel conteggio del petrolio, sono dati reali, voi ai dati reali portate le vostre considerazioni pilotate dai soliti politici a cui siete soggetti.
    C'è una bella differenza.

    RispondiElimina
  20. Ti metto anche un link, tanto per ribadire una volta di + che io parlo di fatti, voi state facendo disinformazione dato che contestate un discorso contro tutte le prove reali che fornisco, se questo vi sembra un atteggiamento intelligente e costruttivo.

    Nell'articolo le accise influiscono su un 60% ma dicono anche che a questo 60 va aggiunto l'iva, quindi in un 70% si rientra abbondantemente.

    Ricordo anche che si pagano accise di quasi 80 fa come la guerra d'etiopia del 1935 o il disastro del vaiont del 63, dico, ma ci rendiamo conto?

    http://www.investireoggi.it/finanza/costo-benzina-accise-della-vergogna-si-paga-ancora-la-guerra-del-1935/

    RispondiElimina
  21. Forza ragazzi, state parlando di argomenti privi di senso, forse siete di giovane età e non ne capite il risultato più profondo.

    Se l'Italia dovesse uscire dall'Euro, non esisterebbe più l'Euro

    tutti i discorsi del dopo non hanno senso, sarebbe il fallimento della moneta unica, L'ITalia ha una forte economia non siamo S.Marino.

    Per cui non ci vedrei nulla di così catastrofico, anzi prima accade meglio è, a mio parere ovviamente

    RispondiElimina
  22. Io insegno all'università e sono nonno, giovane magari lo fossi.

    RispondiElimina
  23. Stanotte pensavo alle nuove generazioni, e mi veniva lo sconforto, è reale la possibilità (tra quindici o venti anni) che dopo un dottorato di ricerca poi siano costrette ad andare al'estero a fare le badanti. La situazione per l'Italia è terribile, ma in pochi lo capiscono ed in pochissimi lo dicono.

    RispondiElimina
  24. Sono d'accordo con te Stefano Del Pool, assolutamente d'accordo ed è per questo che vedo come unica, seppur modesta speranza... L'AZZERAMENTO.

    Non sono persuaso di credere che che tra i nostri leader esista una figura "libera" e quindi capace di sottrarsi alle logiche di scambio e connivenza ormai cementate nella nostra classe politica.

    Quindi dico, proviamo a cambiarli tutti, non sarà la soluzione ad ogni male, ma il NON fare sarebbe comunque peggio. Vivere decorosamente ormai è molto difficile.

    Per questo ed altri motivi voterò Movimento cinque stelle, che mi dicano pure che è demagogico e populista, gli altri cosa hanno fatto, se non rovinare un paese straordinario come l'Italia?

    RispondiElimina
  25. Lovehate con me sfondi una porta aperta, sono mesi che dico ste cose qua sopra ma ci sono personaggi che vanno avanti per ideologie e molti ne trovi qui dentro. A queste persone puoi anche mostrare le prove concrete che il sole scalda e l'acqua bagna tanto sosterranno sempre il contrario perchè si basano sull'ideologia e niente altro.

    Altrimenti qualsiasi persona provvista di un minimo di intelligenza, guardando i governi passati e le loro nefandezze sceglierebbe il nuovo, se non altro per metterlo alla prova, è che proprio non ci riescono.

    RispondiElimina
  26. Siamo alla follia, ma davvero.
    Accusare chi la pensa diversamente di essere dominato dalla ideologia mi ricorda Hitler e non è un complimento se detto da un figlio di ufficiale che ha passato due anni in campi di concentramento nazisti.

    RispondiElimina
  27. Lol, ora ha messo dentro anche i campi di concentramento e l'ideologia impazza.
    Stefano come si dice a Roma, "ripijate."

    RispondiElimina
  28. Accuso di ideologia chi non ha la capacità di ragionare e usare la logica come stai dimostrando qua sopra Stefano.
    Un governo ladro se continui a votarlo lo fai per 2 possibili motivi:

    1 - ne hai qualche beneficio in cambio.
    2 - lo vedi attraverso gli occhi dell'ideologia.

    Altrimenti ti assicuro che non lo voteresti, così come non metteresti la mano nel fuoco se sai che brucia.

    Non occorre un genio per vedere dove dimora l'ideologia e non è un discorso di "è ideologo perchè la pensa diversamente da me" ma semmai "è ideologo perchè nonostante lo schifo, le innumerevoli ladrerie, gli scandali, i patti nascosti, la mancata opposizione, etc. continua a votarlo."

    Ecco questa è solo pura e semplice ideologia.

    RispondiElimina
  29. Infatti si vede benissimo dove dimora l'ideologia mista all'ignoranza .... nel M5S.

    RispondiElimina
  30. Scusa Stefano ma perchè pensi che nel M5S ci siano ideologie ?
    Nel movimento ci sono idee e non ideologie (che sono sterili), mentre le idee sono giuste o sono sbagliate universalmente.
    Grilli ne è solo il portavoce ma le idee sono fatte da tutte le persone che formano il M5S (uno vale uno), pensi che se Grillo dicesse A e il M5S dicesse B, si farebbe come dice lui ? No!.
    Le idee devono essere elaborate da tutti e nel caso migliorate oppure si rigettano, semplice.
    Non fossilizzarti sulle ideologie che ci hanno portato nello stato in cui siamo ora.

    RispondiElimina
  31. stefano, riprenditi... davvero.....

    RispondiElimina
  32. Homer non ti leggi, "Accuso di ideologia chi non è capace di ragionare", questa è ideologia pura, tu possiedi la verità!
    E' anche mancanza di educazione accusare qualcuno di non essere capace di ragionare. Tu offendi.
    Ecco il nuovo che avanza. Zeppi di ideologia e maleducati.

    RispondiElimina
  33. Non ridicolizzarti ulteriormente Stefano, dammi retta.
    Buona Notte.

    RispondiElimina
  34. Non dico che la posizione del M5S in economia sia in assoluto esatta e senza difetti, dico che perlomeno è condivisa da tante persone e forse al momento la più equa.

    Vediamo come andrà questo sondaggio sulle politiche economiche condotto da Virgilio:
    http://economia.virgilio.it/sondaggio/risultati.html?3211

    RispondiElimina