Corriere e Repubblica pubblicano gli ultimi sondaggi

Buongiorno a tutti!
Oggi Corriere e Repubblica hanno sfruttato l'ultimo giorno prima del black-out elettorale per pubblicare i loro sondaggi, rispettivamente di Mannheimer e di Demos.
Entrambi rilevano un avvicinamento tra i due poli, oltre ad un aumento del Movimento 5 Stelle.

Demos:


Mannheimer:




Share on Google Plus

About ~Primo

6 commenti:

  1. Sarà interessante analizzare, dopo le elezioni quando i voti saranno certi, le preferenze dei lombardi: in questo sondaggio il PD non solo sarebbe il primo partito, ma sarebbe anche sopra la somma dei voti di PDL e Lega... in Lombardia!

    RispondiElimina
  2. Jon anche Euromedia(notoriamente la società sondaggista di fiducia del cavaliere) da in bilico la Lombardia. Quando si parla di sorpasso del cavaliere o di avvicinamento a livello nazionale,sconvolge notare che poi proprio la Lombardia (ma anche Sicilia e Veneto) notoriamente forte roccaforte del cdx sia in bilico. Il vero dato che viene nascosto, ma CHE FA LA DIFFERENZA, è quello del m5stelle. La forbice tra csx e cdx nelle tre regioni chiave per la maggioranza al senato dipendono dal dato reale del m5stelle. In Lombardia il m5stelle viene dato al 12%. A me sembra che chi fa sondaggi in Lombardia lo fa dal pianeta Plutone. Non si è accorto (o forse...) neanche lontanamente l'aria a cinque stelle che si respira in Lombardia in questo momento. Sono felice del fatto che saranno clamorosamente smentiti.

    RispondiElimina
  3. se i voti del centrodestra sono finiti in parte a grillo, in parte a monti, in parte a giannino o anche nell'astensione io non posso che esserne felice. Ognuna di queste scelte è nettamente meglio del pdl-lega, non ho dubbi.

    RispondiElimina
  4. In effetti concordo anche io nel ritenere che il recupero del centrodestra sia stato frenato dal M5S che sta drenando gran parte dei voti degli indecisi

    RispondiElimina
  5. Cari amici, mi sa che sta drenando ovunque. Quello che però può essere una vera novità è che ho la sensazione che stia mobilitando anche gli astenuti, non immuni dalla crisi, che vedono nel m5stelle uno strumento di punizione dell'attuale classe politica. Le ultime due settimane sono decisive. Se ci sarà una buona affluenza al voto non premierà l'idiota cavaliere ma rivoluzionerà l'esito del voto in modo incredibile. Questa campagna elettorale è stata vergognosa e mi sa che c'è voglia di punire i partiti tradizionali. Si sta uscendo dai classici schemi, mi sa che ci saranno grandi sorprese. Tutti i sondaggi precedenti non potevano contare sulle intenzioni di voto degli indecisi e degli astenuti. Una percentuale del 30%. Se vota solo un 10% di essi cambia tutto. E se questi vanno a votare mi sa che non danno consenso a Pd o Pdl. Quindi, per intenderci.... chi raccoglie può stravolgere l'esito finale

    RispondiElimina
  6. un sondaggio che vale manco di niente, manipolato. non vi siete resi conto che il partito di grillo è su un valore dal minimo 20 al massimo 30%.
    ma credete ancora a sta gente.

    RispondiElimina