Distribuzione dei seggi al Senato i diversi scenari

Cise ha realizzato per il Sole 24 Ore la seguente previsione di distribuzione dei seggi secondo tre scenari.
I dati si basano sui dati CISE sulle intenzioni di voto a livello regionale:
Intenzioni di voto Sicilia
Intenzioni di voto Campania
Intenzioni di voto Lazio
Intenzioni di voto Lombardia
Intenzioni di voto Piemonte

Share on Google Plus

About Socu (Federico Stentella)

8 commenti:

  1. Lorenzo non è difficile da capire, si tratta delle 4 regioni che non son sicuramente appannaggio del centrosinistra
    In A il centrodestra vincerebbe solo Sicilia
    In B il centrodestra vincerebbe solo in Lombardia
    In entrambi i casi il centosinistra avrebbe la maggioranza assoluta al Senato.
    Da C ad H i Senatori di Monti potrebbero sostituire quelli di SEL con un accordo Bersani-Monti.
    In I ci vorrebbe Bersani+Monti+Vendola per avere la maggioranza
    in L (centrodestra vincente nelle 4 regioni ed anche in Piemonte) non basterebbero Bersani+Monti+SEL a quel punto o entrano in gioco quelli del M5S o grande coalizione o nuove elezioni, forse solo al Senato (ma è assai improbabile)

    RispondiElimina
  2. Il discorso è prettamente politico, perchè in due legislature Bertinotti ha fatto cadere i governi Prodi, quindi in giro c'è la paura che potrebbe accadere che Vendola abbandoni Bersani. In tutte le ipotesi da A ad H Vendola non è "indispensabile" quindi sarebbe meno forte contro Bersani (tanto per dire non si potrà impuntare sull'articolo 18 minacciando di far cadere il governo) perchè così facendo potrebbe riportare Monti al potere, cosa che lui vede come il fumo negli occhi. Quindi è tutto sul filo del voto in più o voto in meno (inteso come Senatore in più o in meno).

    RispondiElimina
  3. Di niente Lorenzo, ti aggiungo che, senza contare i Senatori a vita (ci sarà da aggiungere Napolitano a breve), la maggioranza assoluta al Senato è di 158 voti.

    RispondiElimina
  4. Allo stato attuale il csx può vincere in veneto e Campania(di misura). E' testa a testa in Lombardia mentre è più marcata la possibilità di perdere in Sicilia. Vedreno gli sviluppi. E mentre in Campania la lista Ingroia è la spina nel fianco del csx, nelle altre tre regioni la spina nel fianco del centrodestra potrebbe essere il m5stelle. Sopratutto in veneto e Sicilia. Determinanti potrebbero essere anche in Lombardia, anche se molto può dipendere da un'erosione del cdx da parte di Albertini, sia in regione che nel voto nazionale.

    RispondiElimina
  5. Allora Lombardia,Sicilia,Veneto,Campania e Friuli sono del centro-destra,nelle altre regioni c'è una prevalenza del centro-sinistra piuttosto netta,ma Calabria,Puglia,Molise,Abruzzo se l'affluenza sarà alta potrebbero dare la maggioranza al centro-destra.Affluenza del 70%,il centro-sinistra vince netto,affluenza 75% il centro-destra appaiato al centro-sinistra,affluenza dell'80%,netta vittoria del centro-destra.

    RispondiElimina
  6. L'affluenza sarà tra 60 e 65 per cento, votando a febbraio. Se si votasse con il maltempo di questi giorni sarebbe anche sotto il 50.

    RispondiElimina